Riferimento ai parametri del server NICE DCV - NICE DCV

Le traduzioni sono generate tramite traduzione automatica. In caso di conflitto tra il contenuto di una traduzione e la versione originale in Inglese, quest'ultima prevarrà.

Riferimento ai parametri del server NICE DCV

Nella tabella seguente vengono elencati i parametri che possono essere configurati per personalizzare il server NICE DCV.

Nota

La colonna Ricarica contesto in ogni tabella indica quando il parametro viene ricaricato. I contesti possibili includono:

  • serverIl parametro viene caricato una volta all'avvio del server. Se il valore del parametro viene aggiornato, il nuovo valore viene caricato al riavvio del server.

  • session—Il parametro viene caricato quando viene creata la sessione. Se il valore del parametro viene aggiornato, il nuovo valore viene caricato per le sessioni successive.

  • connectionIl parametro viene caricato quando viene stabilita una nuova connessione client. Se il valore del parametro viene aggiornato, il nuovo valore viene utilizzato per le connessioni client successive.

  • customLe condizioni in cui il parametro viene caricato sono uniche per questo parametro. Per ulteriori informazioni, consulta la descrizione del parametro.

Parametri per audio

Nella tabella seguente vengono descritti i parametri di configurazione nella[audio]Sezione della/etc/dcv/dcv.confper i server DCV NICE Linux e ilaudioPer i server Windows DCV NICE NICE di Windows.

Parametro Tipo - Tipo di registro di Windows Ricarica contesto Valore predefinito Descrizione
avsync-support string session 'auto' Determina se i client possono abilitare la sincronizzazione audio/video. — Consente ai client connessi di abilitare la sincronizzazione audio/video. I valori validi sono «abilitati», «disabilitati» o «auto» (default='auto'). Se è specificato «auto», la sincronizzazione audio/video è abilitata solo nelle sessioni della console e solo se è disponibile una compressione video accelerata. —sinceversione2021.1-10557.
source-channels INTEGER - DWORD (32 bit) session 2 Numero di canali del dispositivo altoparlante su Linux. — Imposta il numero di canali del dispositivo altoparlante Linux. Il valore deve essere uguale o inferiore al numero di canali supportati dal dispositivo. I valori consentiti sono: 2 (stereo), 4 (4.0 quadrifonico), 8 (7.1 surround). Il valore predefinito è 2 (stereo). —sinceversione2020.0-8428.

Parametri per clipboard

Nella tabella seguente vengono descritti i parametri di configurazione nella[clipboard]Sezione della/etc/dcv/dcv.confper i server DCV NICE Linux e ilclipboardPer i server Windows DCV NICE NICE di Windows.

Parametro Tipo - Tipo di registro di Windows Ricarica contesto Valore predefinito Descrizione
enabled true o false - DWORD (32 bit) session Linux: truefinestre: 1 Indica se la funzionalità Appunti deve essere abilitata— Specifica se la funzione Appunti è abilitata. Se la funzionalità Appunti è disabilitata, gli utenti non saranno in grado di utilizzare la remotizzazione degli Appunti. Anche il monitoraggio degli Appunti verrà disabilitato. —sinceversione2020.0-8428.
max-image-area INTEGER - DWORD (32 bit) session -1 Area massima dell'immagine degli appunti— Specifica l'area massima (numero di pixel) delle immagini degli appunti che possono essere trasferite dal server ai client. Se questo valore è mancante o impostato su -1, non viene applicato alcun limite. —sinceversione2017.0-4334.
max-payload-size INTEGER - DWORD (32 bit) session 20971520 Dimensione massima dei dati degli appunti— Specifica la dimensione massima (in byte) dei dati Appunti che possono essere trasferiti dal server ai client. Se manca questo valore, viene applicato il limite predefinito di 20 MB. —sinceversione2017.0-4334.
max-text-len INTEGER - DWORD (32 bit) session -1 Numero massimo di caratteri del testo degli appunti— Specifica il numero massimo di caratteri del testo degli appunti che è possibile trasferire dal server ai client. Se questo valore è mancante o impostato su -1, non viene applicato alcun limite. —sinceversione2017.0-4334.
primary-selection-copy true o false - DWORD (32 bit) session Linux: false - truefinestre: 0 Abilita la copia di selezione principale da linux— I desktop Linux supportano più appunti: gli appunti generici e la selezione principale. La selezione principale viene aggiornata o copiata quando viene selezionato il contenuto. Può quindi essere incollata utilizzando il pulsante centrale del mouse o con la combinazione di tasti Maiusc+Ins. Se abilitata, la selezione principale viene monitorata e gli aggiornamenti vengono propagati al client. —sinceversione2019.0-7318.
primary-selection-paste true o false - DWORD (32 bit) session Linux: false - truefinestre: 0 Consente di incollare la selezione principale su linux— I desktop Linux supportano più appunti: gli appunti generici e la selezione principale. La selezione principale viene aggiornata o copiata quando viene selezionato il contenuto. Può quindi essere incollata utilizzando il pulsante centrale del mouse o la combinazione di tasti Maiusc+Ins. Se abilitata, il contenuto degli Appunti del client verrà inserito anche nella selezione principale. —sinceversione2019.0-7318.
timeout per l'aggiornamento INTEGER - DWORD (32 bit) session 200 Timeout di aggiornamento della notifica eventi— Specifica il tempo in msec di attesa dall'ultimo evento di aggiornamento per l'invio della notifica al client. Valore predefinito 200 msec. —sinceversione2020.1-8942.

Parametri per connectivity

Nella tabella seguente vengono descritti i parametri di configurazione nella[connectivity]Sezione della/etc/dcv/dcv.confper i server DCV NICE Linux e ilconnectivityPer i server Windows DCV NICE NICE di Windows.

Parametro Tipo - Tipo di registro di Windows Ricarica contesto Valore predefinito Descrizione
enable-quic-frontend true o false - DWORD (32 bit) server Linux: false - truefinestre: 0 Indica se abilitare il frontend QUIC— Specifica se il frontend QUIC deve essere abilitato. —sinceversione2020.2-9508.
idle-timeout INTEGER - DWORD (32 bit) personalizzato 60 Tempo di inattività— Specifica il numero di minuti di attesa prima di scollegare i client inattivi. Se è impostato su 0, i client inattivi non vengono mai disconnessi. Questo valore del parametro viene letto ogni cinque secondi. —sinceversione2017.0-4100.
idle-timeout-warning INTEGER - DWORD (32 bit) personalizzato 350 Avviso di timeout inattivo— Specifica il numero di secondi relativi al timeout inattivo da attendere prima di avvisare i client inattivi sulla disconnessione del timeout inattivo. Specificare 0 per non avvertire mai i client inattivi. —sinceversione2017.4-6898.
quic-listen-endpoints string server ['0.0.0.0', '።'] Specificare gli endpoint su cui DCV ascolta per le connessioni QUIC in entrata— Specifica un elenco di endpoint in cui DCV ascolterà le connessioni QUIC in entrata. Gli endpoint possono essere un elenco di indirizzi IPv4 associabili locali ('0.0.0.0' per caratteri jolly tutti gli indirizzi possibili) o indirizzi IPv6 associabili ('።' per caratteri jolly tutti gli indirizzi possibili) con una porta opzionale separata da due punti (':'). Ad esempio, '1.2.3. 4:5678 'ascolterebbe le connessioni in ingresso sull'interfaccia associata all'indirizzo «1.2.3.4», sulla porta 5678. Se la porta non viene specificata, l'impostazione in «Quic-port» verrà utilizzata come impostazione predefinita. Per specificare una porta con un indirizzo IPv6, racchiudere l'indirizzo tra parentesi quadre (ad esempio '[። 1] :8443'). Sono supportati anche gli indirizzi IPv6, inclusa un'interfaccia esplicita (ad esempio '[። %eth1] :8443'). —sinceversione2022.0-11954.
Quic-port INTEGER - DWORD (32 bit) server 8443 Porta UDP per il frontend QUIC— Specifica la porta UDP su cui il server DCV ascolta le connessioni client. Il numero della porta deve essere compreso tra 1024 e 65535. Consulta laquic-listen-endpoints'impostazione per ulteriori dettagli su come viene applicata questa impostazione. —Disponibile sinceversione2020.2-9508.
web-listen-endpoints string server ['0.0.0.0', '።'] Specificare gli endpoint su cui DCV ascolta per le connessioni Web in entrata— Specifica un elenco di endpoint in cui DCV ascolterà le connessioni Web in entrata. Gli endpoint possono essere un elenco di indirizzi IPv4 associabili locali ('0.0.0.0' per caratteri jolly tutti gli indirizzi possibili) o indirizzi IPv6 associabili ('።' per caratteri jolly tutti gli indirizzi possibili) con una porta opzionale separata da due punti (':'). Ad esempio, '1.2.3. 4:5678 'ascolterebbe le connessioni in ingresso sull'interfaccia associata all'indirizzo «1.2.3.4», sulla porta 5678. Se la porta non viene specificata, l'impostazione in «web-port» verrà utilizzata come impostazione predefinita. Per specificare una porta con un indirizzo IPv6, racchiudere l'indirizzo tra parentesi quadre (ad esempio '[። 1] :8443'). Sono supportati anche gli indirizzi IPv6, inclusa un'interfaccia esplicita (ad esempio '[። %eth1] :8443'). —Disponibile sinceversione2022.0-11954.
web-port INTEGER - DWORD (32 bit) server 8443 Porta TCP per il client— Specifica la porta TCP su cui il server DCV ascolta le connessioni client. Il numero della porta deve essere compreso tra 1024 e 65535. Consulta laweb-listen-endpoints'impostazione per ulteriori dettagli su come viene applicata questa impostazione. —sinceversione2017.0-4100.
web-root string server '' Documento root per il server Web incorporato— Specifica la radice del documento per il server Web incorporato. —sinceversione2017.0-4100.
web-url-path string server '/' Percorso URL per il server Web incorporato— Specifica il percorso URL per il server Web incorporato, deve iniziare con «/». Ad esempio, l'impostazione /test/foo indica che il server Web è raggiungibile all'indirizzo https://host:port/test/foo. —Disponibile sinceversione2017.0-4100.
web-use-hsts true o false - DWORD (32 bit) server Linux: truefinestre: 1 Se utilizzare HSTS— Consente di forzare i browser a impedire che qualsiasi comunicazione venga inviata tramite HTTP. Tutto il trasferimento alla pagina Web (e tutti i sottodomini) verrà effettuato utilizzando HTTPS. —Disponibile sinceversione2017.0-4100.
ws-keepalive-interval INTEGER - DWORD (32 bit) server 10 Intervallo keepalive Websocket— Specifica l'intervallo (in secondi) dopo il quale inviare un messaggio keepalive. Se è impostato su 0, il messaggio keepalive è disabilitato. —Disponibile sinceversione2017.0-4100.

Parametri per display

Nella tabella seguente vengono descritti i parametri di configurazione nella[display]Sezione della/etc/dcv/dcv.confper i server DCV NICE Linux e ildisplayPer i server Windows DCV NICE NICE di Windows.

Parametro Tipo - Tipo di registro di Windows Ricarica contesto Valore predefinito Descrizione
console-session-default-layout string session [] Risoluzione e posizione dello schermo predefinite per le sessioni della console— Specifica la risoluzione e la posizione predefinite dello schermo per le sessioni della console. Se è impostato, DCV imposta il layout richiesto all'avvio. Ogni monitor può essere configurato con risoluzione (larghezza, altezza) e posizione (x, y). Tutti i monitor specificati sono abilitati. <0>Valore di esempio di layout predefinito: [{'w' <800>h 'x' x 'x' x 'x' <600>x 'x' x 'x' x <0>'y' x 'y' y 'y' x <0>'y' y 'y<1024>' x 'y' y 'x' y <768>'y' x '<800>y' y 'x' y 'x' y 'Disponibile sinceversione2017.0-5600.
cuda-devices string connessione [] Dispositivi CUDA utilizzati per la codifica stream— Specifica l'elenco dei dispositivi CUDA locali utilizzati da DCV per distribuire codifica e carichi di lavoro CUDA. Ogni dispositivo è identificato da un numero che può essere recuperato dal comando nvidia-smi. Ad esempio, cuda-devices= ['0', '2'] indica che DCV utilizza due GPU, con ID 0 e 2. Questa impostazione è simile alla variabile di ambiente CUDA_VISIBLE_DEVICES, ma si applica solo a DCV. Se l'opzione non è impostata, DCV utilizza un indice di sessione incrementale a partire da 0 per scegliere il dispositivo successivo da utilizzare. —Disponibile sinceversione2017.2-6182.
enable-client-resize true o false - DWORD (32 bit) session Linux: truefinestre: 1 Se consentire ai client di impostare il layout di visualizzazione— Specifica se ai client è consentito impostare il layout di visualizzazione. —Disponibile sinceversione2017.0-4100.
enable-qu true o false - DWORD (32 bit) session Linux: truefinestre: 1 Se inviare aggiornamenti di qualità— Specifica se inviare aggiornamenti di qualità. —Disponibile sinceversione2017.0-4100.
encoding enable-yuv444 string session 'default-off' Indica se abilitare la codifica YUV444— Attiva o disabilita la codifica YUV444. Se «sempre attivo» il server preferisce il formato YUV444 ottimizzato per un'elevata precisione del colore. Se «sempre spento» il server preferisce un formato ottimizzato per le prestazioni di streaming. I valori 'default-on' e 'default-off' default-off ', ovvero lasciare che il cliente decida. Valori consentiti: always-on, always-off, default-on, default-off. —Disponibile sinceversione 2022.0.
grabber-target-fps INTEGER - DWORD (32 bit) session 0 Frame target al secondo di frame grabber— Imposta il limite superiore per afferrare i fotogrammi al secondo. Il valore 0 è impostato su fps-target. Non tutti i backend di acquisizione fotogrammi rispettano questa impostazione. —Disponibile sinceversione2017.1-5870.
max-compressor-threads INTEGER - DWORD (32 bit) session 4 Max filettature del compressore— Specifica il numero massimo di filettature del compressore. —Disponibile sinceversione2017.0-4100.
max-head-resolution string personalizzato (4096, 2160) Risoluzione massima della testina— Imposta la risoluzione massima di una testina di visualizzazione richiesta dal client. Una testina di visualizzazione equivale a un monitor host. L'impostazione viene ricaricata a ogni richiesta di layout client. Quando un client richiede una risoluzione testina maggiore, il server regola la risoluzione per assicurarsi che corrisponda ai valori massimi di larghezza e altezza impostati da questa opzione. —Disponibile sinceversione2017.0-4100.
max-layout-area INTEGER - DWORD (32 bit) personalizzato 0 Area di layout massima in pixel— Imposta l'area massima in pixel di un layout di visualizzazione richiesto dal client. I layout più grandi di questo limite verranno ignorati. Lo scopo di questo massimo è fornire un limite superiore per la quantità di dati di visualizzazione che devono essere inviati, senza fornire vincoli sulla geometria del layout di visualizzazione. Se impostato su 0, non viene applicato alcun limite all'area di layout. L'impostazione viene ricaricata a ogni richiesta di layout client. —Disponibile sinceversione2019.1-7423.
max-num-heads INTEGER - DWORD (32 bit) personalizzato 4 Numero massimo di teste— Specifica il numero massimo di testine di visualizzazione richieste dal client. Una testina di visualizzazione equivale a un monitor host. L'impostazione viene ricaricata a ogni richiesta di layout client. Quando un client richiede un numero maggiore di testine, il server regola il numero di testine in modo che il valore non superi il valore impostato da questa opzione. —Disponibile sinceversione2017.0-4100.
min-head-resolution string personalizzato (640, 480) min. head resolution— Imposta la risoluzione minima di una testina di visualizzazione richiesta dal client. Una testina di visualizzazione equivale a un monitor host. L'impostazione viene ricaricata a ogni richiesta di layout client. Quando un client richiede una risoluzione testina minore, il server regola la risoluzione per assicurarsi che corrisponda ai valori minimi di larghezza e altezza impostati da questa opzione. —Disponibile sinceversione2017.0-4100.
target-fps INTEGER - DWORD (32 bit) session -1 Fotogrammi di destinazione al secondo— Specifica il massimo di fotogrammi consentiti al secondo. Il valore 0 indica nessun limite. Il valore -1 indica che il valore target fps sarà determinato in base alle caratteristiche del server e al tipo di sessione. Con le versioni < 2020.2, il valore -1 non viene riconosciuto e il valore predefinito è 25. —Disponibile sinceversione2017.0-4100.
use-grabber-dirty-regione true o false - DWORD (32 bit) session Linux: truefinestre: 1 Se utilizzare regioni sporche— Specifica se utilizzare aree sporche dello schermo. Se abilitato, il grabber tenta di calcolare nuovi frame dalle regioni dirty dello schermo. —Disponibile sinceversione2017.0-4100.
web-client-max-head-resolution string personalizzato (1920, 1080) Risoluzione massima testina per client web— Imposta la risoluzione massima di una testina di visualizzazione richiesta da un client Web. Una testina di visualizzazione equivale a un monitor host. L'impostazione viene ricaricata a ogni richiesta di layout client. Questa impostazione viene ignorata se il client Web imposta esplicitamente la risoluzione massima. Lamax-head-resolutionL'opzione limitations viene applicata sopra i valori massimi di larghezza e altezza impostati da questa opzione. Se il valore è impostato su (0, 0), viene ignorato. —Disponibile sinceversione2020.0-8428.

Parametri per display/linux

Nella tabella seguente vengono descritti i parametri di configurazione nella[display/linux]Sezione della/etc/dcv/dcv.confper i server DCV NICE Linux e ildisplay/linuxPer i server Windows DCV NICE NICE di Windows.

Parametro Tipo - Tipo di registro di Windows Ricarica contesto Valore predefinito Descrizione
gl-displays string session [':0.0'] Display X accelerati 3D— Specifica l'elenco di schermi X accelerati 3D locali e schermi utilizzati da DCV per il rendering OpenGL nelle sessioni virtuali. Se questo valore è mancante, non è possibile eseguire applicazioni OpenGL nelle sessioni virtuali. Questa impostazione viene ignorata per sessioni della console. —Disponibile sinceversione2017.0-4100.
h264-encoder-displays string connessione [] Display H.264 encoder X— Specifica l'elenco di schermi e schermi X locali che supportano la codifica H.264 accelerata. Se è vuoto, DCV usa lo stesso display selezionato per il rendering OpenGL. Questa impostazione è utile solo nei casi in cui alcune delle GPU installate sul sistema non forniscono accelerazione per la codifica H.264 quando si usa una delle tecnologie supportate. —Disponibile sinceversione2017.0-4100.

Parametri per input

Nella tabella seguente vengono descritti i parametri di configurazione nella[input]Sezione della/etc/dcv/dcv.confper i server DCV NICE Linux e ilinputPer i server Windows DCV NICE NICE di Windows.

Parametro Tipo - Tipo di registro di Windows Ricarica contesto Valore predefinito Descrizione
enable-autorepeat true o false - DWORD (32 bit) session Linux: truefinestre: 1 Se consentire la ripetizione automatica su Linux— Specifica se consentire la ripetizione automatica per una singola chiave. —Disponibile sinceversione2017.2-6182.
enable-gamepad true o false - DWORD (32 bit) session Linux: truefinestre: 1 Se consentire l'input gamepad— Specifica se il gamepad è abilitato. —sinceversione2022.0-11954.
enable-relative-mouse true o false - DWORD (32 bit) session Linux: truefinestre: 1 Se consentire movimenti relativi del mouse— Specifica se consentire movimenti relativi del mouse. —Disponibile sinceversione2017.0-5121.
enable-stylus true o false - DWORD (32 bit) session Linux: truefinestre: 1 Se consentire l'ingresso dello stilo— Specifica se è abilitato uno stilo. —sinceversione2019.0-7318.
enable-touch true o false - DWORD (32 bit) session Linux: truefinestre: 1 Se consentire l'ingresso touch— Specifica se il tocco è abilitato. —sinceversione2017.3-6698.

Parametri per license

Nella tabella seguente vengono descritti i parametri di configurazione nella[license]Sezione della/etc/dcv/dcv.confper i server DCV NICE Linux e illicensePer i server Windows DCV NICE NICE di Windows.

Parametro Tipo - Tipo di registro di Windows Ricarica contesto Valore predefinito Descrizione
license-file string session '' Licenza— Specifica un file di licenza demo o una porta server RLM e un nome host. Se usi una licenza floating su un server RLM, usa questo parametro per specificare il nome host e la porta del server RLM nel formato porta@nomehost. Se usi una licenza demo estesa e il file license.lic non si trova nella posizione predefinita, usa questo parametro per specificare il percorso completo del file di licenza license.lic. Se il file predefinito non esiste, viene usata una licenza demo. Questo valore viene letto dalla configurazione e aggiornato ogni volta che viene creata una nuova sessione. —sinceversione2017.0-4100.

Parametri per log

Nella tabella seguente vengono descritti i parametri di configurazione nella[log]Sezione della/etc/dcv/dcv.confper i server DCV NICE Linux e illogPer i server Windows DCV NICE NICE di Windows.

Parametro Tipo - Tipo di registro di Windows Ricarica contesto Valore predefinito Descrizione
directory string server '' Directory di output log— Specifica la destinazione in cui vengono salvati i log. Se non specificato, il valore predefinito è «C:\»ProgramData\ NICE\ DCV\ log\» su Windows e su «/var/log/dcv/» su Linux. —sinceversione2017.0-4100.
level string personalizzato 'info' Livello di log— Specifica il livello di dettaglio del file di log. I livelli di dettaglio (a seconda della quantità di dettagli che forniscono) sono: 'error', 'warning', 'info' e 'debug'. Il nuovo valore diventa effettivo non appena viene modificato nella configurazione e propagato ai processi dell'agente DCV. Con le versioni <= 2019.1, il livello di log sui processi dell'agente DCV viene impostato solo all'avvio. —sinceversione2017.0-4100.
rotate INTEGER - DWORD (32 bit) server 10 Numero di rotazioni del file di registro— Specifica il numero di volte in cui i file di registro vengono ruotati prima di essere rimossi. Se il valore è 0, le versioni precedenti vengono rimosse anziché ruotate. —sinceversione2017.0-4100.
transfer-audit string server 'none' Direzione di trasferimento all'audit— Specifica la direzione di trasferimento da controllare. Se questo parametro è abilitato, un nuovo file CSV registra i trasferimenti tra il server e i client. I valori consentiti sono: «nessuno»,server-to-client','client-to-server', e 'all'. Se questo valore è mancante o corrispondente a "none", i controlli dei trasferimenti sono disabilitati e non viene creato alcun file. —sinceversione2017.0-4100.

Parametri per security

Nella tabella seguente vengono descritti i parametri di configurazione nella[security]Sezione della/etc/dcv/dcv.confper i server DCV NICE Linux e ilsecurityPer i server Windows DCV NICE NICE di Windows.

Parametro Tipo - Tipo di registro di Windows Ricarica contesto Valore predefinito Descrizione
allowed-http-host-regex string server '^.+$' Espressione regolare host consentita— Specifica un pattern di espressione regolare che rappresenta i nomi host che questo server DCV può servire. Se l'intestazione Host di una richiesta HTTP in ingresso non corrisponde a questo modello, la richiesta avrà esito negativo con un codice di errore 403 Forbidden. Si tratta di una misura di sicurezza per evitare attacchi alle intestazioni Host HTTP. Il modello deve essere un'espressione regolare di tipo Javascript valida. Le lettere nel modello corrispondono alle lettere maiuscole e minuscole. Esempio: '^ (www\.)? esempio\ .com$'. —sinceversione2017.0-4100.
allowed-ws-origin-regex string server '^https://.+$' Origini consentite— Specifica un pattern di espressione regolare che rappresenta le origini accettate dal server DCV. Quando si stabilisce unWebSocketconnessione, il campo di intestazione Origin nell'handshake del client indica l'origine dello script che stabilisce la connessione. Se l'intestazione Origin di una richiesta HTTP in ingresso non corrisponde a questo modello, la richiesta avrà esito negativo con un codice di errore 403 Forbidden. Si tratta di una misura di sicurezza per evitare intersitiWebSocketattacchi di dirottamento (CSWSH). Il modello deve essere un'espressione regolare di tipo Javascript valida. Le lettere nel modello corrispondono alle lettere maiuscole e minuscole. L'intestazione Origin avrà il formato: <schema> "://" <host> [ ":" <porta> ]. Esempio: '^ https://(www\.)? esempio\ .com (:443)? $'. —sinceversione2017.0-4100.
auth-connection-setup-timeout INTEGER - DWORD (32 bit) server 120 Timeout per la configurazione della connessione ai canali— Specifica la quantità di tempo (in secondi) consentita per il completamento della procedura di configurazione della connessione del canale di autenticazione prima del timeout. Se la procedura richiede più tempo, il canale viene chiuso. Se è impostato su 0, il timeout per la configurazione della connessione del canale di autenticazione è disabilitato. —sinceversione2017.0-4100.
auth-token-verifier string server '' L'endpoint del verificatore di token di autenticazione— Specifica l'endpoint (URL) del verificatore del token di autenticazione utilizzato dal server DCV. Se è vuoto, viene usato il verificatore dei token di autenticazione interno. —sinceversione2017.0-4100.
authentication string server 'system' Metodo di autenticazione— Specifica il metodo di autenticazione utilizzato dal server DCV. Usa "system" per delegare l'autenticazione del client al sistema operativo sottostante. Usa "none" per disabilitare l'autenticazione del client e concedere l'accesso a tutti i client. —sinceversione2017.0-4100.
authentication-threshold INTEGER - DWORD (32 bit) server 3 Soglia di autenticazione— Specifica quante volte ogni client può fallire l'autenticazione prima che la connessione venga chiusa dal server. Per consentire un numero illimitato di tentativi di autenticazione, usa 0. —sinceversione2017.0-4100.
ca-file string server '' CA— Specifica il file contenente le autorità di certificazione (CA) attendibili dal server DCV. Se è vuoto, usa l'archivio di trust predefinito fornito dal sistema. —sinceversione2017.0-4100.
certificate-to-user-file string personalizzato '' File di mappatura da certificato a utente— Specifica il file contenente l'elenco di mappatura da certificato all'utente. —sinceversione2022.0-11954.
ciphers string server 'ECDHE-RSA-AES128-GCM-SHA256:ECDHE-ECDSA-AES128-GCM-SHA256:ECDHE-RSA-AES256-GCM-SHA384:ECDHE-ECDSA-AES256-GCM-SHA384:ECDHE-RSA-AES128-SHA256:ECDHE-RSA-AES256-SHA384' Elenco cifrario utilizzato sulle connessioni TLS— Specifica l'elenco di cifratura utilizzato per le connessioni TLS. L'elenco di crittografie deve usare il carattere ":" come separatore e deve essere supportato da openssl e dai client. —sinceversione2017.0-4100.
connection-estab-timeout INTEGER - DWORD (32 bit) server 5 Timeout di installazione della connessione— Specifica il periodo di tempo in secondi consentito al completamento della procedura di connessione prima del timeout. Se la procedura richiede più tempo, la connessione viene chiusa. Se è impostato su 0, non è previsto alcun timeout per la procedura di connessione. —sinceversione2017.0-4100.
connection-setup-timeout INTEGER - DWORD (32 bit) server 5 Timeout di configurazione della connessione canale— Specifica la quantità di tempo (in secondi) consentita per il completamento della procedura di configurazione della connessione al canale prima del timeout. Se la procedura richiede più tempo, il canale viene chiuso. Se è impostato su 0, non è previsto alcun timeout per la configurazione della connessione del canale. —sinceversione2017.0-4100.
crl string personalizzato '' CRL— Specifica il file contenente l'elenco di revoche di certificati (CRL). —sinceversione2022.0-11954.
enable-gssapi true o false - DWORD (32 bit) server Linux: false - truefinestre: 0 Abilita il meccanismo GSSAPI SASL— Attiva o disabilita il meccanismo SASL GSSAPI, che consente l'autenticazione DCV con kerberos. —sinceversione2017.3-6698.
max-connections-per-utente INTEGER - DWORD (32 bit) server 10 Numero massimo di connessioni dell'utente— Specifica il numero massimo di connessioni simultanee consentite per utente. Le connessioni in eccesso vengono rifiutate. —sinceversione2017.0-4100.
no-tls-strict true o false - DWORD (32 bit) server Linux: false - truefinestre: 0 Abilita o disabilita la convalida rigorosa dei certificati— Attiva o disabilita la convalida rigorosa dei certificati durante la connessione a un verificatore di token di autenticazione esterno. La convalida rigorosa dei certificati deve essere disabilitata se il verificatore dei token di autenticazione usa un certificato autofirmato. —sinceversione2017.0-4100.
os-auto-lock true o false - DWORD (32 bit) session Linux: truefinestre: 1 Se bloccare la sessione del sistema operativo al termine dell'ultima connessione client— Se abilitato, la sessione del sistema operativo viene bloccata quando l'ultima connessione client viene chiusa. —sinceversione2017.1-5777.
pam-service-name string server 'dcv' Nome servizio PAM— Specifica il nome del file di configurazione PAM utilizzato da DCV. Il nome predefinito del servizio PAM è "dcv" e corrisponde al file di configurazione /etc/pam.d/dcv. Questo parametro viene utilizzato solo si usa il metodo di autenticazione "system". —sinceversione2017.0-4100.
passwd-file string server '' File password— Specifica il file della password da utilizzare per controllare le credenziali utente (solo con la modalità di autenticazione dcv). Se è vuoto, usa il file predefinito in ${XDG_CONFIG_HOME}/NICE/dcv/passwd per Linux oppure %CSIDL_LOCAL_APPDATA%\NICE\dcv\passwd per Windows. —sinceversione2017.0-4100.
server-fqdn string server '' FQDN per server— Specifica il nome di dominio completo del server. Vuoto significa gethostname(). —sinceversione2017.3-6698.
service-name string server 'dcv' Nome servizio— Il nome registrato del servizio (di solito il nome del protocollo). —sinceversione2020.0-8428.
supervisione-controllo string personalizzato «disabilitato» Il tipo di controllo della supervisione per le sessioni— Specifica il tipo di controllo della supervisione per le sessioni. I valori possibili sono «disabilitati» e «applicati». Se questo valore è impostato su «applicato», è possibile impostare l'autorizzazione di accesso non supervisionato per consentire o negare l'accesso senza proprietario degli utenti in una sessione collaborativa. Se l'accesso non supervisionato è consentito per un utente, l'utente può accedere a una sessione senza un proprietario. A tutti gli utenti, ad eccezione del proprietario, viene negata questa autorizzazione per impostazione predefinita. Quando questo valore è impostato su «disabilitato» (impostazione predefinita), il server non applica il controllo e l'autorizzazione di supervisione. Il nuovo valore è effettivo non appena viene modificato nella configurazione. —sinceversione2021.3-11591.
user-realm string server '' Realm utente del server— Specifica un realm utente per il server. —sinceversione2017.3-6698.

Parametri per session-management

Nella tabella seguente vengono descritti i parametri di configurazione nella[session-management]Sezione della/etc/dcv/dcv.confper i server DCV NICE Linux e ilsession-managementPer i server Windows DCV NICE NICE di Windows.

Parametro Tipo - Tipo di registro di Windows Ricarica contesto Valore predefinito Descrizione
create-session true o false - DWORD (32 bit) server Linux: false - truefinestre: 0 Creare una sessione console all'avvio del server— Specifica se creare automaticamente una sessione di console (con ID «console») all'avvio del server. —sinceversione2017.0-4100.
enable-gl-in-sessioni virtuali string session 'default-on' Se utilizzare la funzione dcv-gl— Specifica se utilizzare la funzione dcv-gl (è necessaria una licenza). Valori consentiti: always-on, always-off, default-on, default-off. —sinceversione2017.0-4100.
max-concurrent-clients INTEGER - DWORD (32 bit) session -1 Numero massimo di client simultanee per sessione— Specifica il numero massimo di client simultanei per sessione. Se è impostato su -1, non viene applicato alcun limite. Per impostare il limite solo per la sessione automatica, usa 'max-concurrent-clients'della sezione 'session-management/automatic-console-session'. —sinceversione2017.0-4100.
max-concurrent-sessions INTEGER - DWORD (32 bit) server 0 Numero massimo di sessioni simultanee— Specifica il numero massimo di sessioni simultanee consentite. Questo limite si applica attualmente solo alle sessioni virtuali, poiché le sessioni della console sono intrinsecamente limitate a una. Specificare 0 per non applicare alcun limite. —sinceversione2019.0-7318.
max-sessions-per-utente INTEGER - DWORD (32 bit) server 0 Numero massimo di sessioni per utente— Specifica il numero massimo di sessioni simultanee consentite che ogni utente può possedere. Questo limite si applica attualmente solo alle sessioni virtuali. Specificare 0 per non applicare alcun limite. —sinceversione2021.0-10242.
virtual-session-default-layout string session [] Layout predefinito per le sessioni virtuali— Se è impostato, Xdcv è configurato per creare il layout specificato all'avvio. Ogni monitor può essere configurato con risoluzione (larghezza, altezza) e posizione (x, y). Tutti i monitor specificati sono abilitati. <0>Valore di esempio di layout predefinito: [{'w' x 'x' x <800>'h' x 'x' x '<600><0><0><1024>h' x 'x' x 'x' y 'x' y 'x' y 'y' x 'y' y 'x' y 'y<768>' x 'y' x <800>'y' x 'y' x 'y' x 'y' x 'y' x 'y' x 'y' x 'y' xvirtual-session-monitorsimpostazione) ha una priorità più alta rispetto al numero di elementi nell'array. Ad esempio, se sono stati impostati cinque monitor, ma il numero massimo di monitor è quattro, vengono creati solo i primi quattro monitor. Se questa chiave è impostata, il numero di monitor abilitati (specificato nellavirtual-session-monitorsimpostazione) viene ignorata. —sinceversione2017.0-5600.
virtual-session-font-path string session '' Se aggiungere percorsi di carattere speciali— Specifica il percorso dei font speciali. Alcune applicazioni richiedono che al server X venga passato un carattere speciale. —sinceversione2017.0-4100.
virtual-session-source-profilo true o false - DWORD (32 bit) session Linux: false - truefinestre: 0 Se generare il profilo utente nell'avvio della sessione— Specifica se la shell che esegue lo script di avvio della sessione deve generare il profilo utente. Per impostazione predefinita, questo è false e DCV eseguirà lo script di avvio della sessione con «bash —noprofile —norc» —sinceversione2021.3-11591.
virtual-session-xdcv-args string session '' Ulteriori argomenti da passare a Xdcv— Specifica eventuali argomenti aggiuntivi da passare a Xdcv. —sinceversione2017.0-4334.

Parametri per session-management/automatic-console-session

Nella tabella seguente vengono descritti i parametri di configurazione nella[session-management/automatic-console-session]Sezione della/etc/dcv/dcv.confper i server DCV NICE Linux e ilsession-management/automatic-console-sessionPer i server Windows DCV NICE NICE di Windows.

Parametro Tipo - Tipo di registro di Windows Ricarica contesto Valore predefinito Descrizione
max-concurrent-clients INTEGER - DWORD (32 bit) server -1 Numero massimo di client simultanee per sessione— Specifica il numero massimo di client simultanei consentiti per sessione. Se è impostato su -1, non viene applicato alcun limite. —sinceversione2017.0-5600.
owner string server '' Proprietario della sessione «console» creata automaticamente— Specifica il nome utente del proprietario della sessione «console». Se è vuoto, il proprietario è l'utente che ha avviato il server DCV. Questa impostazione viene applicata solo alla sessione della "console" che viene creata automaticamente all'avvio del server e quando create-session è impostato su true. —sinceversione2017.0-5600.
permissions-file string server '' File di autorizzazioni per la sessione automatica «console»— Specifica il percorso del file di autorizzazioni da utilizzare per controllare l'accesso dell'utente alle funzionalità DCV. Se è vuoto, solo il proprietario ha accesso completo alla sessione. —sinceversione2017.0-5600.
storage-root string server '' Percorso della cartella principale di archiviazione dei file— Specifica il percorso completo della cartella da utilizzare per lo storage della sessione della console. Se la radice dello storage è vuota o se la cartella non esiste, lo storage dei file è disabilitato. —sinceversione2017.0-5600.

Parametri per session-management/defaults

Nella tabella seguente vengono descritti i parametri di configurazione nella[session-management/defaults]Sezione della/etc/dcv/dcv.confper i server DCV NICE Linux e ilsession-management/defaultsPer i server Windows DCV NICE NICE di Windows.

Parametro Tipo - Tipo di registro di Windows Ricarica contesto Valore predefinito Descrizione
permissions-file string session '' Autorizzazioni predefinite incluse in tutte le sessioni— Specifica il percorso del file di autorizzazioni da unire automaticamente con le autorizzazioni selezionate dall'utente per ogni sessione. Se è vuoto, usa il file "default.perm" situato in /etc/dcv/ per Linux oppure nella cartella di installazione di DCV (ad esempio C:\Programmi\NICE\DCV\Server\conf) per Windows. —sinceversione2017.0-5600.

Parametri per smartcard

Nella tabella seguente vengono descritti i parametri di configurazione nella[smartcard]Sezione della/etc/dcv/dcv.confper i server DCV NICE Linux e ilsmartcardPer i server Windows DCV NICE NICE di Windows.

Parametro Tipo - Tipo di registro di Windows Ricarica contesto Valore predefinito Descrizione
enable-cache string personalizzato 'default-on' Indica se abilitare i messaggi di memorizzazione nella cache delle smart card. — Abilita o disabilita la memorizzazione nella cache delle smart card. Se abilitata, il server DCV NICE memorizza nella cache l'ultimo valore ricevuto dalla smart card del client. Le chiamate future vengono recuperate direttamente dalla cache del server, anziché dal client. Questo contribuisce a ridurre la quantità di traffico trasferito tra il client e il server e a migliorare le prestazioni. I valori consentiti includono 'always-on', 'always-off', 'default-on' e 'default-off'. Questo valore viene letto dalla configurazione ogni volta che viene avviata un'applicazione smartcard client. —sinceversione2017.2-6182.

Parametri per webcam

Nella tabella seguente vengono descritti i parametri di configurazione nella[webcam]Sezione della/etc/dcv/dcv.confper i server DCV NICE Linux e ilwebcamPer i server Windows DCV NICE NICE di Windows.

Parametro Tipo - Tipo di registro di Windows Ricarica contesto Valore predefinito Descrizione
max-resolution string connessione (1280, 720) Risoluzione massima della webcam— Specifica la risoluzione massima della webcam esposta alle applicazioni. —sinceversione2021.0-10242.
preferito-resolution string connessione (640, 480) La risoluzione preferita per la webcam— Specifica la risoluzione preferita della webcam tra le risoluzioni fornite dal client. Se la risoluzione specificata non è supportata, la risoluzione corrispondente più vicina viene selezionata ed esposta alle applicazioni. Se uno dei valori specificati è 0, la condivisione della webcam è disattivata. —sinceversione2021.0-10242.

Parametri per windows

Nella tabella seguente vengono descritti i parametri di configurazione nella[windows]Sezione della/etc/dcv/dcv.confper i server DCV NICE Linux e ilwindowsPer i server Windows DCV NICE NICE di Windows.

Parametro Tipo - Tipo di registro di Windows Ricarica contesto Valore predefinito Descrizione
disable-display-sleep true o false - DWORD (32 bit) session Linux: truefinestre: 1 Impedisce al display di entrare in modalità risparmio energetico— Specifica se impedire al display di entrare in modalità di risparmio energetico. —sinceversione2017.0-4100.
printer string session 'DCV printer' Stampante da impostare come predefinita— Specifica il nome della stampante virtuale DCV. Per impostazione predefinita, "DCV printer". Il nome viene utilizzato per modificare la stampante predefinita sul sistema. Se impostato su una stringa vuota, DCV non modificherà la stampante predefinita corrente. —sinceversione2017.0-4100.