Applicazione della gestione delle versioni della libreria - AWS Guida prescrittiva

Le traduzioni sono generate tramite traduzione automatica. In caso di conflitto tra il contenuto di una traduzione e la versione originale in Inglese, quest'ultima prevarrà.

Applicazione della gestione delle versioni della libreria

La gestione del ciclo di vita è una sfida importante quando si gestiscono basi di codice. AWS CDK Ad esempio, supponiamo di iniziare un AWS CDK progetto con la versione 1.97 e che la versione 1.169 diventi disponibile in un secondo momento. La versione 1.169 offre nuove funzionalità e correzioni di bug, ma l'infrastruttura è stata implementata utilizzando la versione precedente. Ora, con l'aumento del divario, l'aggiornamento dei costrutti diventa difficile a causa delle modifiche sostanziali che potrebbero essere introdotte nelle nuove versioni. Ciò può rappresentare un ostacolo se l'ambiente dispone di molte risorse. Lo schema introdotto in questa sezione può aiutarvi a gestire la versione della AWS CDK libreria utilizzando l'automazione. Ecco il flusso di lavoro di questo pattern:

  1. Quando si avvia un nuovo prodotto CodeArtifact Service Catalog, le versioni della AWS CDK libreria e le relative dipendenze vengono archiviate nel package.json file.

  2. Implementa una pipeline comune che tenga traccia di tutti i repository, in modo da poter applicare a questi ultimi aggiornamenti automatici se non ci sono modifiche sostanziali.

  3. Una AWS CodeBuild fase verifica la presenza dell'albero delle dipendenze e cerca le ultime modifiche.

  4. La pipeline crea un ramo di funzionalità e quindi esegue cdk synth con la nuova versione per confermare l'assenza di errori.

  5. La nuova versione viene implementata nell'ambiente di test e infine esegue un test di integrazione per assicurarsi che l'implementazione sia corretta.

  6. Puoi utilizzare due code Amazon Simple Queue Service (Amazon SQS) per monitorare gli stack. Gli utenti possono esaminare manualmente gli stack nella coda delle eccezioni e gestire le modifiche sostanziali. Gli elementi che superano il test di integrazione possono essere uniti e rilasciati.