Strumenti per la fase di scoperta - AWS Guida prescrittiva

Le traduzioni sono generate tramite traduzione automatica. In caso di conflitto tra il contenuto di una traduzione e la versione originale in Inglese, quest'ultima prevarrà.

Strumenti per la fase di scoperta

Questa sezione illustra gli strumenti Oracle disponibili per la AWS fase di scoperta e lo scopo di ciascuno di essi. È possibile utilizzare uno o più strumenti inclusi in questo elenco in base ai requisiti, alle competenze e alle licenze richieste per strumenti come Oracle Automatic Workload Repository (AWR).

Scopo

Strumento

Determina quali funzionalità di Exadata stai utilizzando attualmente

Oracle Automatic Workload Repository (AWR), Oracle Enterprise Manager (OEM), visualizzazioni del dizionario, Cell Control Command-Line Interface (CellCLI)

Determina quali funzionalità dell'Enterprise Edition stai utilizzando attualmente

Visualizzazioni del dizionario, AWS Schema Conversion Tool (AWS SCT)

Analizza le statistiche del database e gli eventi di attesa

AWR, OEM, visualizzazioni del dizionario

Stima le risorse e dimensionale correttamente

AWR, OEM, visualizzazioni del dizionario, CellCLI

GUERRA

Oracle Automatic Workload Repository (AWR) è incluso in Oracle Database Enterprise Edition (EE). Raccoglie, elabora e mantiene automaticamente le statistiche sulle prestazioni del database. È possibile accedere a queste statistiche tramite report AWR, viste del database o Oracle Enterprise Manager (OEM). Quando si consolidano più carichi di lavoro in un unico database utilizzando diversi servizi Oracle, AWR raccoglie statistiche sui livelli di servizio utili per ridimensionare correttamente i carichi di lavoro consolidati in istanze autonome. AWS

AWR è concesso in licenza con Oracle Diagnostics Pack (vedi le informazioni sulla licenza). Statspack, un'alternativa all'AWR, è uno strumento gratuito per analizzare statistiche e metriche sulle prestazioni. Tuttavia, Statspack non fornisce lo stesso livello di metriche e statistiche relative ai componenti Exadata di AWR.

È possibile generare report AWR a livello di istanza o globalmente per tutte le istanze di un database Real Application Cluster (RAC) o per uno specifico ID SQL. Per ulteriori informazioni, consulta la guida all'ottimizzazione delle prestazioni di Oracle Database.

Puoi utilizzare AWR per analizzare il tuo carico di lavoro Exadata, le funzionalità specifiche di Exadata utilizzate dal tuo carico di lavoro, i vantaggi delle funzionalità specifiche di Exadata, le diverse statistiche del database e gli eventi di attesa e le risorse necessarie per ospitare il carico di lavoro su AWS. Queste ricche statistiche e metriche raccolte da AWR coprono più livelli del sistema Exadata, inclusi server di database, celle di archiviazione, rete di interconnessione, RAC e gruppi di dischi ASM. La tabella seguente riassume le metriche e le statistiche AWR chiave su cui concentrarsi durante una migrazione Exadata. La descrizione di tutte le statistiche e le metriche pertinenti per la fase di scoperta non rientra nell'ambito di questa guida.

Parametro

Indica

Rilevanza

User commits

Impegni emessi al confine di una transazione

Natura del carico di lavoro

Percentuale riscontri cache buffer

Con quale frequenza un blocco richiesto è stato trovato nella buffer cache senza richiedere l'accesso al disco

Natura del carico di lavoro

Richieste fisiche di lettura multiblocco

Il numero totale di richieste di lettura lette in due o più blocchi di database per richiesta

Natura del carico di lavoro, caratteristiche di I/O

Richieste I/O totali in lettura fisica

Il numero totale di richieste di lettura

Natura del carico di lavoro, caratteristiche di I/O

Byte di I/O fisici delle celle idonei per l'offload dei predicati

Il numero di byte su disco idonei per l'offload dei predicati

Dipendenza dalla funzionalità Exadata Smart Scan

Byte di interconnessione I/O fisici delle celle

Il numero di byte di I/O scambiati tramite l'interconnessione tra l'host del database e le celle

Dipendenza dalla funzionalità Exadata Smart Scan

Byte di interconnessione I/O fisici delle celle restituiti da Smart Scan

Il numero di byte di I/O restituiti dalla cella per le operazioni di Smart Scan

Dipendenza dalla funzionalità Exadata Smart Scan

Byte di I/O fisici delle celle salvati dall'indice di archiviazione

Quanti byte di I/O sono stati eliminati mediante l'applicazione degli indici di archiviazione a livello di cella di storage.

Dipendenza dalle funzionalità di Exadata Storage Index

Richieste di lettura fisicamente ottimizzate

Il numero di richieste di lettura che sono state ottimizzate da Exadata Smart Flash Cache o tramite indici di archiviazione

Dipendenza dalle funzionalità dell'indice di archiviazione Exadata e Smart Flash Cache

Risultati di lettura di Cell Flash Cache

Il numero di richieste di lettura che hanno trovato una corrispondenza nella Exadata Smart Flash Cache

Dipendenza dalla funzionalità Exadata Smart Flash Cache

CellCLI

La Cell Control Command-Line Interface (CellCLI) è lo strumento di amministrazione e monitoraggio a riga di comando per le celle di archiviazione Exadata preconfigurato nei server di celle di archiviazione Exadata. Questa utilità estrae le informazioni direttamente dall'hardware o dal software del server di archiviazione.

Per l'elenco completo delle metriche disponibili per CellCLI, consulta la documentazione di Oracle Exadata. Per visualizzare un elenco di tutte le metriche disponibili e le relative definizioni, esegui il comando seguente mentre sei connesso a CellCLI da uno dei server di storage.

CellCLI>LIST metricDefinition WHERE objectType=cell;

Per analizzare metriche diverse, connettiti direttamente al server di storage e usa CellCLI o il comando per leggerlolist metriccurrent. list metrichistory

CellCLI> list metriccurrent CD_BY_FC_DIRTY CD_00_celladm-01 0.000 MB … … SIO_IO_WR_RQ_FC_SEC SMARTIO 0.000 IO/sec SIO_IO_WR_RQ_HD SMARTIO 3,660,097 IO requests SIO_IO_WR_RQ_HD_SEC SMARTIO 0.000 IO/sec

È necessario eseguire CellCLI su singoli nodi di cella per raccogliere le metriche per quel nodo. È inoltre possibile eseguire i comandi CellCLI da dcli per raccogliere metriche per un gruppo di nodi di celle.

./dcli -g mycells "cellcli -e list metriccurrent GD_IO_BY_R_LG \ attributes alertstate, metricvalue";

Exadata trasferisce molte attività che richiedono molte risorse sui server di celle di archiviazione. Pertanto, è importante capire come vengono utilizzate le varie risorse sulle celle di archiviazione per dimensionare correttamente le istanze di calcolo nell'ambiente di destinazione. La tabella seguente mostra alcune metriche chiave Exadata dei server di celle di archiviazione che possono aiutarti a capire come vengono utilizzate le risorse nelle celle di archiviazione.

Parametro

Descrizione

CL_CPUT

L'utilizzo della CPU della cella

CL_MEMUT

La percentuale di memoria fisica totale utilizzata

N_HCA_MB_RCV_SEC

Il numero di megabyte ricevuti dalle InfiniBand interfacce al secondo

N_HCA_MB_TRANS_SEC

Il numero di megabyte trasmessi dalle interfacce al secondo InfiniBand

N_MB_RECEIVED_SEC

La velocità (numero di megabyte) ricevuti al secondo da un determinato host

N_MB_SENT_SEC

La velocità (numero di megabyte) inviati al secondo da un determinato host

FL_RQ_TM_W_RQ

Latenza media delle richieste di scrittura di redo log

FL_IO_TM_W_RQ

Latenza media di scrittura dei redo log, che include solo la latenza di scrittura I/O

FC_IO_RQ_W_SKIP_SEC

Il numero di richieste I/O di scrittura al secondo che bypassano la cache Flash

FC_IO_RQ_R_SKIP_SEC

Il numero di richieste I/O di lettura al secondo che bypassano la Flash Cache

SIO_IO_EL_OF_SEC

Il numero di megabyte al secondo idonei per l'offload tramite smart I/O

SIO_IO_OF_RE_SEC

Il numero di megabyte di interconnessione al secondo restituiti da smart I/O

SIO_IO_RD_FC_SEC

Il numero di megabyte al secondo letti dalla Flash Cache tramite smart I/O

SIO_IO_RD_HD_SEC

Il numero di megabyte al secondo letti dal disco rigido tramite smart I/O

SIO_IO_WR_FC_SEC

Il numero di megabyte al secondo delle operazioni di scrittura della popolazione di Flash Cache tramite smart I/O

SIO_IO_SI_SV_SEC

Il numero di megabyte al secondo salvati dall'indice di archiviazione

Il seguente comando CellCLI viene eseguito su un nodo di cella Exadata per mostrare le statistiche relative alle funzionalità chiave di Exadata.

CellCLI> list metrichistory where collectionTime > '2022-06-13T15:42:00+01:00' and collectionTime < '2022-06-13T15:43:00+01:00' and name like 'SIO_.*SEC.*' SIO_IO_EL_OF_SEC SMARTIO 1,223 MB/sec 2022-06-13T15:42:03+01:00 SIO_IO_OF_RE_SEC SMARTIO 34.688 MB/sec 2022-06-13T15:42:03+01:00 SIO_IO_PA_TH_SEC SMARTIO 0.000 MB/sec 2022-06-13T15:42:03+01:00 SIO_IO_RD_FC_HD_SEC SMARTIO 0.174 MB/sec 2022-06-13T15:42:03+01:00 SIO_IO_RD_FC_SEC SMARTIO 843 MB/sec 2022-06-13T15:42:03+01:00 SIO_IO_RD_HD_SEC SMARTIO 0.101 MB/sec 2022-06-13T15:42:03+01:00 SIO_IO_RD_RQ_FC_HD_SEC SMARTIO 0.183 IO/sec 2022-06-13T15:42:03+01:00 SIO_IO_RD_RQ_FC_SEC SMARTIO 850 IO/sec 2022-06-13T15:42:03+01:00 SIO_IO_RD_RQ_HD_SEC SMARTIO 0.000 IO/sec 2022-06-13T15:42:03+01:00 SIO_IO_RV_OF_SEC SMARTIO 3.392 MB/sec 2022-06-13T15:42:03+01:00 SIO_IO_SI_SV_SEC SMARTIO 362 MB/sec 2022-06-13T15:42:03+01:00 SIO_IO_WR_FC_SEC SMARTIO 0.008 MB/sec 2022-06-13T15:42:03+01:00 SIO_IO_WR_HD_SEC SMARTIO 0.000 MB/sec 2022-06-13T15:42:03+01:00 SIO_IO_WR_RQ_FC_SEC SMARTIO 0.017 IO/sec 2022-06-13T15:42:03+01:00 SIO_IO_WR_RQ_HD_SEC SMARTIO 0.000 IO/sec 2022-06-13T15:42:03+01:00

In questi esempi, le statistiche SIO_IO_SI_SV_SEC indicano che l'indice di storage salva 362 MBps di I/O, SIO_IO_RD_RQ_FC_SEC indica che la cache Flash fornisce 850 I/O al secondo e SIO_IO_OF_RE_SEC indica che Smart Scan restituisce 34 MBps di I/O.

In un altro esempio, l'output del dcli comando seguente mostra un utilizzo molto basso della CPU su tutti i nodi di celle di un sistema Exadata. Ciò indica potenzialmente un carico di lavoro che non beneficia in modo significativo delle funzionalità del livello di archiviazione Exadata.

dcli -g ../cell_group cellcli -e \ list metriccurrent where name='CL_CPUT'; cm01cel01: CL_CPUT cm01cel01 0.2 % cm01cel02: CL_CPUT cm01cel02 0.2 % cm01cel03: CL_CPUT cm01cel03 0.7 %

Controllo cloud OEM

Oracle Enterprise Manager (OEM) Cloud Control offre funzionalità centralizzate e complete di end-to-end monitoraggio, gestione, amministrazione e supporto per tutti i principali sistemi Oracle. Il modo migliore per monitorare e gestire Exadata è utilizzare OEM, poiché è strettamente integrato con tutti i componenti software e hardware Exadata.

È possibile accedere a molte delle metriche discusse finora utilizzando i dashboard OEM. Alcune delle dashboard chiave che sono utili nella fase di scoperta della migrazione di Exadata sono:

  • Utilizzo delle risorse sui server di database

  • Statistiche di archiviazione e I/O dalle celle di archiviazione

  • InfiniBand statistiche sugli switch

  • statistiche sui gruppi di dischi ASM

  • Prestazioni del database utilizzando AWR, Automatic Database Diagnostic Monitor (ADDM) e Active Session History (ASH)

  • Strumenti di consulenza come SGA Advisory e SQL Tuning Advisor

Tuttavia, alcune dashboard sono concesse in licenza con diversi pacchetti come Oracle Diagnostics Pack o Oracle Tuning Pack. Per i dettagli, consulta le informazioni sulle licenze Oracle.

Visualizzazioni del database

È possibile interrogare le viste del database (viste del dizionario e viste dinamiche delle prestazioni) in un database Oracle per recuperare statistiche utili relative alle funzionalità di Exadata per il database o l'istanza. La tabella seguente mostra alcune delle viste chiave che mostrano statistiche critiche utili per la fase di scoperta.

Visualizzazione

Descrizione

DBA_TABLES

Identifica le tabelle che utilizzano la funzionalità HCC

DBA_HIST_SYSSTAT

Mostra le statistiche storiche relative a Exadata

DBA_FEATURE_USAGE_STATISTICS

Visualizza informazioni sull'utilizzo delle funzionalità del database

DBA_HIST_SQLSTAT

Visualizza informazioni storiche sulle statistiche SQL

DBA_HIST_ASM_DISKGROUP_STAT

Visualizza le statistiche sulle prestazioni per i gruppi di dischi ASM

DBA_HIST_CELL_DISK_SUMMARY

Visualizza informazioni cronologiche sulle prestazioni dei dischi sulle celle

DBA_HIST_ACTIVE_SESS_HISTORY

Visualizza la cronologia delle sessioni attive

DBA_HIST_DB_CACHE_ADVICE

Fornisce previsioni sul numero di operazioni di lettura fisiche per le dimensioni della cache

DBA_ADVISOR_FINDINGS

Visualizza i risultati di varie attività di consulenza come SQL Tuning Advisor

Gli esempi seguenti mostrano le statistiche recuperate dalle visualizzazioni del database utili per la fase di scoperta.

Questa query mostra una singola tabella nel database abilitata per HCC con modalità di QUERY HIGH compressione:

select table_name, compression, compress_for from dba_tables where compression = 'ENABLED'; TABLE_NAME COMPRESS COMPRESS_FOR ------------------------------ -------- ------------ ORDER_ITEMS ENABLED QUERY HIGH

Questa query mostra l'utilizzo delle funzionalità del database, il che aiuta a determinare la dipendenza delle funzionalità da Oracle Database Enterprise Edition:

select name c1, detected_usages c2, first_usage_date c3, currently_used c4 from dba_feature_usage_statistics where first_usage_date is not null; times first used feature used used now --------------------------------------------- -------- --------- ----- Protection Mode - Maximum Performance 24 18-AUG-20 TRUE Recovery Area 24 18-AUG-20 TRUE Server Parameter File 24 18-AUG-20 TRUE Shared Server 4 18-AUG-20 FALSE Streams (system) 24 18-AUG-20 TRUE Virtual Private Database (VPD) 24 18-AUG-20 TRUE Automatic Segment Space Management (system) 24 18-AUG-20 TRUE Automatic Segment Space Management (user) 24 18-AUG-20 TRUE Automatic SQL Execution Memory 24 18-AUG-20 TRUE Automatic Undo Management 24 18-AUG-20 TRUE Character Set 24 18-AUG-20 TRUE Dynamic SGA 1 18-AUG-20 FALSE Locally Managed Tablespaces (system) 24 18-AUG-20 TRUE Locally Managed Tablespaces (user) 24 18-AUG-20 TRUE Multiple Block Sizes 7 25-DEC-20 TRUE Partitioning (system) 24 18-AUG-20 TRUE

Questa query mostra i byte fisici totali letti, i byte idonei per l'offload delle celle e i byte restituiti dalla cella di archiviazione per un'istruzione SQL per uno snapshot AWR specifico:

select ROUND(physical_read_bytes_delta/EXECUTIONS_DELTA)/1024/1024 phyrd_mb , ROUND(IO_OFFLOAD_ELIG_BYTES_TOTAL/EXECUTIONS_DELTA)/1024/1024 elig_mb , ROUND(io_interconnect_bytes_delta/EXECUTIONS_DELTA)/1024/1024 ret_mb from dba_hist_sqlstat where sql_id = 'zg2fg7abfx2y' and snap_id between 12049 and 12050; PHYRD_MB ELIG_MB RET_MB SAVING% ---------- ---------- ---------- ---------- 10815 10815 3328 69.2%

AWS SCT

AWS Schema Conversion Tool (AWS SCT) rende prevedibili le migrazioni di database eterogenei. Converte automaticamente lo schema del database di origine e la maggior parte degli oggetti del codice del database, incluse viste, stored procedure e funzioni, in un formato compatibile con il database di destinazione. Tutti gli oggetti che non possono essere convertiti automaticamente sono contrassegnati in modo chiaro in modo da poterli convertire manualmente per completare la migrazione. AWS SCT è in grado di prevedere gli sforzi necessari per una migrazione eterogenea quando è necessaria un'azione manuale per convertire gli oggetti del database. Questo strumento può anche indicare le dipendenze dalle funzionalità di Oracle Database Enterprise Edition (EE). È possibile utilizzare questa analisi per decidere se prendere in considerazione la migrazione da EE a SE2. Per ulteriori informazioni, consulta la sezione Edizioni e versioni del database all'inizio di questa guida. Per informazioni sull'utilizzo AWS SCT per migrazioni eterogenee, consulta la sezione Esecuzione della migrazione più avanti in questa guida.