Raccomandazioni sulla ripiattaforma - AWS Guida prescrittiva

Le traduzioni sono generate tramite traduzione automatica. In caso di conflitto tra il contenuto di una traduzione e la versione originale in Inglese, quest'ultima prevarrà.

Raccomandazioni sulla ripiattaforma

La maggior parte degli utenti sceglie Amazon RDS for Oracle quando effettua la migrazione da un database Exadata locale per sfruttare un servizio di database gestito e migliorare l'agilità e l'elasticità. Amazon RDS for Oracle dovrebbe sempre essere la prima opzione per eseguire database Oracle grazie AWS alle sue funzionalità di automazione e gestione.

Considerazioni sul tipo di volume Amazon EBS

Amazon RDS for Oracle offre due tipi di volume EBS: unità SSD (Solid State Drive) generica e SSD Provisioned IOPS. Le dimensioni del database, i requisiti IOPS e il throughput stimato ti aiutano a determinare il tipo di volume EBS appropriato da utilizzare.

Quando le applicazioni non richiedono prestazioni di archiviazione elevate, puoi utilizzare lo storage General Purpose SSD (gp2). Le prestazioni di I/O di base per l'archiviazione gp2 sono di 3 IOPS per ogni GiB, con un minimo di 100 IOPS. Ciò significa che volumi più grandi offrono prestazioni migliori. Ad esempio, le prestazioni di base per un volume da 100 GiB sono 300 IOPS. per un volume da 1.000 GiB sono di 3.000 IOPS, Le prestazioni di base massime per un volume gp2 (5334 GiB e superiore) sono pari a 16.000 IOPS. I singoli volumi gp2 con dimensioni inferiori a 1.000 GiB permettono inoltre il burst a fino a 3.000 IOPS per periodi di tempo prolungati.

I volumi General Purpose SSD (gp3) supportano un massimo di 16.000 IOPS per volume EBS. Le dimensioni di un volume Amazon EBS gp3 possono variare da un GiB a 16 TiB. Quando utilizzi volumi gp3, puoi raggiungere un massimo di 64.000 IOPS per la tua istanza Amazon RDS for Oracle. Utilizzando i volumi di storage gp3, puoi personalizzare le prestazioni di storage indipendentemente dalla capacità di storage. Le prestazioni di storage sono la combinazione delle operazioni di I/O al secondo (IOPS) e della velocità con cui il volume di archiviazione può eseguire operazioni di lettura e scrittura (velocità di archiviazione). Sui volumi di storage gp3, Amazon RDS offre prestazioni di storage di base di 3.000 IOPS e 125 MiB/s.

Per ogni motore di database Amazon RDS ad eccezione di Amazon RDS for SQL Server, quando la dimensione dello storage per i volumi gp3 raggiunge una certa soglia, le prestazioni di storage di base aumentano a 12.000 IOPS e 500 MIB/s. Ciò è dovuto allo striping dei volumi, in cui l'archiviazione utilizza quattro volumi anziché uno.

I volumi Provisioned IOPS SSD (io1) sono progettati per soddisfare le esigenze di carichi di lavoro a uso intensivo di I/O e sensibili alle prestazioni e alla coerenza dello storage. I volumi Amazon EBS io1 offrono latenze di una cifra di millisecondi. Quando selezioni i volumi Amazon EBS io1 per Amazon RDS for Oracle, devi fornire il valore di storage allocato e il valore IOPS assegnato. Le dimensioni di un volume io1 possono variare da 4 GiB a 16 TiB. Il numero massimo di IOPS per volume io1 è 64.000. Quando utilizzi volumi io1, puoi raggiungere un massimo di 256.000 IOPS e un throughput massimo di 4 Gbps (richiede 256 KB di IOPS) per l'istanza Amazon RDS for Oracle. Il throughput massimo di scrittura per un'istanza Amazon RDS for Oracle con Multi-AZ abilitato è di 625 MBps.

Best practice di Amazon RDS per Oracle

Prendi in considerazione le seguenti best practice quando esegui la migrazione da Exadata on-premise ad Amazon RDS for Oracle:

  • Prima di migrare i dati da Exadata ad Amazon RDS for Oracle, aumenta la dimensione dei redo log dal valore predefinito di 128 MB. In caso contrario, il redo log switching potrebbe verificarsi troppo spesso e causare un peggioramento delle prestazioni.

  • Abilita Performance Insights (che ha un periodo di conservazione dei dati predefinito di 7 giorni) dopo il caricamento iniziale dei dati.

  • Configura Multi-AZ per il database di produzione dopo il caricamento iniziale dei dati.

  • Integra Amazon RDS for Oracle con CloudWatch Amazon (come minimo, utilizza log di alert, listener e agente OEM) dopo il caricamento iniziale dei dati.

  • Installa l'agente Oracle Enterprise Manager (OEM) nel gruppo di opzioni Amazon RDS for Oracle associato. Ciò richiede un OEM funzionante già esistente in sede AWS o in sede. È possibile configurare l'OEM in modalità a disponibilità elevata su. AWS

  • Implementa gli allarmi Amazon RDS per quanto segue per avvisare gli amministratori prima che venga violata la capacità massima:

    • Utilizzo della CPU, IOPS di scrittura, IOPS di lettura, velocità effettiva di scrittura

    • Velocità effettiva di lettura, memoria liberabile, utilizzo di swap

  • Amazon RDS carica i log delle transazioni per le istanze DB su Amazon S3 ogni cinque minuti. Per visualizzare l'ora di ripristino più recente per un'istanza DB, usa il AWS CLI describe-db-instancescomando e guarda il valore restituito nel campo per l'istanza DB. LatestRestorableTime Amazon RDS può caricare i log delle transazioni più frequentemente se il requisito di point-in-time ripristino è inferiore a cinque minuti. Per modificare il valore predefinito, modifica il parametro di ARCHIVE_LAG_TARGET inizializzazione nel gruppo di parametri Amazon RDS for Oracle associato. Puoi impostare il valore di questo parametro su 60, 120, 180, 240 o 300 secondi. Tuttavia, ci sono dei compromessi se si imposta un valore inferiore: verranno generati più redo log file e il cambio di file di registro avverrà più spesso.

  • Implementa Oracle Unified Auditing, il framework di audit consigliato da Oracle, in modalità mista. Per impostazione predefinita, il controllo unificato non è abilitato su Amazon RDS (). AUDIT_TRAIL=NONE Puoi abilitarlo impostando o. AUDIT_TRAIL=DB AUDIT_TRAIL=DB, EXTENDED Per ulteriori informazioni, consulta il post AWS sul blog Audit di sicurezza in Amazon RDS for Oracle: parte 1.

  • Per proteggerti dalle minacce interne, configura i flussi di attività del database, se applicabile. Questa funzionalità funziona con il controllo unificato di Oracle e fornisce un flusso quasi in tempo reale di tutte le istruzioni controllate (SELECT,,DML, DDLDCL,TCL) eseguite nell'istanza DB. I dati di audit vengono raccolti dalla posizione di controllo unificata del database, mentre lo storage e l'elaborazione delle attività del database vengono gestiti all'esterno del database in Amazon Kinesis Data Streams. Per ulteriori informazioni, consulta il post AWS sul blog Audit di sicurezza in Amazon RDS for Oracle: parte 2.

  • Se preferisci il controllo standard, puoi integrare i rendiconti di controllo con Amazon CloudWatch dopo il caricamento iniziale dei dati. Quando abiliti il controllo standard impostando il AUDIT_TRAIL parametro su, o OS XMLXML, EXTENDED, Amazon RDS for Oracle genera record di controllo che vengono archiviati .AUD come .XML file del sistema operativo nell'istanza Amazon RDS for Oracle. Questi file di controllo vengono in genere conservati nell'istanza Amazon RDS for Oracle per sette giorni. Puoi configurare Amazon RDS for Oracle su cui pubblicare questi file CloudWatch, dove possono eseguire analisi in tempo reale dei dati di log, archiviare i dati in uno storage altamente durevole e gestirli con CloudWatch i log agent. AWSconserva i dati di log pubblicati nei CloudWatch log per un periodo indefinito nell'AWSaccount, a meno che non venga specificato un periodo di conservazione.