Regole di denominazione dei bucket di directory - Amazon Simple Storage Service

Le traduzioni sono generate tramite traduzione automatica. In caso di conflitto tra il contenuto di una traduzione e la versione originale in Inglese, quest'ultima prevarrà.

Regole di denominazione dei bucket di directory

Quando si crea un bucket di directory in Amazon S3, si applicano le seguenti regole di denominazione dei bucket. Per le regole di denominazione dei bucket per uso generico, consulta Regole di denominazione dei bucket.

Il nome di un bucket di directory è costituito da un nome di base fornito dall'utente e da un suffisso che contiene l'ID della zona di AWS disponibilità in cui si trova il bucket e. --x-s3

base-name--azid--x-s3

Ad esempio, il seguente nome del bucket di directory contiene l'ID zona di disponibilità usw2-az1:

bucket-base-name--usw2-az1--x-s3
Nota

Quando crei un bucket di directory utilizzando la console, viene aggiunto automaticamente un suffisso al nome di base fornito. Questo suffisso include l'ID zona di disponibilità della zona di disponibilità scelta.

Quando crei un bucket di directory utilizzando un'API, devi fornire il suffisso completo, incluso l'ID della zona di disponibilità, nella richiesta. Per un elenco degli ID delle zone di disponibilità, consulta. Zone di disponibilità e regioni S3 Express One Zone

I nomi dei bucket di directory devono:

  • Sii unico all'interno della zona prescelta Regione AWS e della zona di disponibilità.

  • Non essere più lunghi di 3-63 caratteri, incluso il suffisso.

  • Essere costituiti solo da lettere minuscole, numeri e trattini (-).

  • Iniziare e finire con una lettera o un numero.

  • Deve includere il seguente suffisso:--azid--x-s3.