Prerequisiti per i server NICE DCV - NICE DCV

Le traduzioni sono generate tramite traduzione automatica. In caso di conflitto tra il contenuto di una traduzione e la versione originale in Inglese, quest'ultima prevarrà.

Prerequisiti per i server NICE DCV

NICE DCV consente ai client di accedere a una sessione grafica X remota su un server Linux. Questo fornisce l'accesso al desktop Linux corrispondente. NICE DCV supporta due tipi di streaming desktop Linux: sessioni console e sessioni virtuali. Per ulteriori informazioni sulle sessioni della console e virtuali, consulta Gestione delle sessioni NICE DCV.

In questo argomento viene descritto come installare i prerequisiti necessari per utilizzare NICE DCV su un server Linux.

Installare un ambiente desktop e un desktop manager

Installa un ambiente desktop e un desktop manager per migliorare la tua esperienza con NICE DCV su un server Linux.

Un ambiente desktop è un'interfaccia utente grafica (GUI) che consente di interagire con il sistema operativo Linux. Esistono diversi ambienti desktop e NICE DCV funziona con molti di essi. Un desktop manager è un programma che gestisce la schermata di accesso utente e avvia e arresta le sessioni dell'ambiente desktop e il server X.

Il seguente contenuto a schede mostra i passaggi per l'installazione dell'ambiente desktop predefinito e del desktop manager nei sistemi operativi supportati e mostra anche come configurare e avviare il server X nei sistemi operativi supportati.

RHEL 7.x/8.x, CentOS 7.x/8.x, and Rocky Linux

L'ambiente desktop predefinito per RHEL 7.x/8.x, CentOS 7.x/8.x e Rocky Linux è Gnome3 e il desktop manager predefinito è GDM.

Per installare e configurare l'ambiente desktop e il desktop manager su RHEL 7.x/8.x, CentOS 7.x/8.x e Rocky Linux

  1. Installa i pacchetti dell'ambiente desktop e del desktop manager.

    • RHEL 7.x/8.x, CentOS 8.x e Rocky Linux 8.5 e versioni successive

      $ sudo yum groupinstall 'Server with GUI'
    • CentOS 7.x

      $ sudo yum groupinstall "GNOME Desktop"
  2. Aggiorna i pacchetti software per assicurarti che il server Linux sia aggiornato.

    $ sudo yum upgrade
  3. Riavvia il server Linux.

    $ sudo reboot
Amazon Linux 2

L'ambiente desktop predefinito per Amazon Linux 2 è Gnome3 e il desktop manager predefinito è GDM.

Per installare e configurare l'ambiente desktop e il desktop manager su Amazon Linux 2

  1. Installa i pacchetti dell'ambiente desktop e del desktop manager.

    $ sudo yum install gdm gnome-session gnome-classic-session gnome-session-xsession
    $ sudo yum install xorg-x11-server-Xorg xorg-x11-fonts-Type1 xorg-x11-drivers
    $ sudo yum install gnome-terminal gnu-free-fonts-common gnu-free-mono-fonts gnu-free-sans-fonts gnu-free-serif-fonts
  2. Aggiorna i pacchetti software per assicurarti che il server Linux sia aggiornato.

    $ sudo yum upgrade
  3. Riavvia il server Linux.

    $ sudo reboot
Ubuntu 18.x

Per Ubuntu 18.x, l'ambiente desktop predefinito è Gnome3 e il desktop manager predefinito è GDM3. Con Ubuntu 18.x, GDM3 non è attualmente supportato con le sessioni della console NICE DCV. Per questo motivo, è consigliabile utilizzare il desktop manager LightDM se intendi lavorare con le sessioni della console NICE DCV.

Per installare e configurare l'ambiente desktop e il desktop manager su Ubuntu 18.x

  1. Installa i pacchetti dell'ambiente desktop e del desktop manager.

    $ sudo apt update
    $ sudo apt install ubuntu-desktop

    Installa LightDM.

    $ sudo apt install lightdm
  2. Aggiorna i pacchetti software per assicurarti che il server Linux sia aggiornato.

    $ sudo apt upgrade
  3. Riavvia il server Linux.

    $ sudo reboot
Ubuntu 20.x and 22.x

Per Ubuntu 20.x/22.x, l'ambiente desktop predefinito è Gnome3 e il desktop manager predefinito è GDM3. A seconda del tipo di sessione che si esegue, potrebbe essere necessario configurare il sistema in modo diverso.

  • Sessioni della console

    LightDM non è attualmente supportato con le sessioni della console NICE DCV su Ubuntu 20.x. È consigliabile utilizzare il desktop manager GDM3 se intendi lavorare con le sessioni della console NICE DCV.

  • Sessioni virtuali

    A causa diun problema noto di GDM, le sessioni virtuali non possono funzionare con GDM3 su Ubuntu 20.x. Per far funzionare correttamente le sessioni virtuali, è possibile adottare una delle seguenti soluzioni:

    • Su server che non dispongono di una GPU, puoi disabilitare il desktop manager perché non è necessario eseguire sessioni virtuali. Configurare il sistema per l'esecuzione in modalità multiutente eseguendo il seguente comando prima di creare sessioni virtuali:

      sudo systemctl isolate multi-user.target
    • Su server con GPU, oltre a disabilitare il desktop manager, è necessario avviare un server X sul sistema prima di creare sessioni virtuali. A questo scopo, esegui i comandi seguenti:

      sudo systemctl isolate multi-user.target
      sudo dcvstartx &

Per installare e configurare l'ambiente desktop e il desktop manager su Ubuntu 20.x

  1. Installa i pacchetti dell'ambiente desktop e del desktop manager.

    $ sudo apt update
    $ sudo apt install ubuntu-desktop

    Installa GDM3 (funziona solo con le sessioni della console)

    $ sudo apt install gdm3
  2. Se si utilizza GDM3, verificare che GDM3 sia impostato come desktop manager predefinito.

    $ cat /etc/X11/default-display-manager

    L'output è il seguente.

    /usr/sbin/gdm3

    Se GDM3 non è impostato come desktop manager predefinito, utilizzare il seguente comando per impostarlo come predefinito.

    $ sudo dpkg-reconfigure gdm3
  3. Aggiorna i pacchetti software per assicurarti che il server Linux sia aggiornato.

    $ sudo apt upgrade
  4. Riavvia il server Linux.

    $ sudo reboot
SUSE Linux Enterprise 12.x

L'ambiente desktop predefinito per SUSE Linux Enterprise 12.x è SLE Classic e il desktop manager predefinito è GDM.

Per installare e configurare l'ambiente desktop e il desktop manager su SUSE Linux Enterprise 12.x

  1. Installa i pacchetti dell'ambiente desktop e del desktop manager.

    $ sudo zypper install -t pattern gnome_basic
    $ sudo update-alternatives --set default-displaymanager /usr/lib/X11/displaymanagers/gdm
    $ sudo sed -i "s/DEFAULT_WM=\"\"/DEFAULT_WM=\"gnome\"/" /etc/sysconfig/windowmanager
  2. Aggiorna i pacchetti software per assicurarti che il server Linux sia aggiornato.

    $ sudo zypper update
  3. Riavvia il server Linux.

    $ sudo reboot
SUSE Linux Enterprise 15.x

L'ambiente desktop predefinito per SUSE Linux Enterprise 15.x è SLE Classic e il desktop manager predefinito è GDM3. A seconda del tipo di sessione che si esegue, potrebbe essere necessario configurare il sistema in modo diverso.

  • Sessioni della console

    LightDM non è attualmente supportato con le sessioni della console NICE DCV su SUSE Linux Enterprise 15.x. È consigliabile utilizzare il desktop manager GDM3 se intendi lavorare con le sessioni della console NICE DCV.

  • Sessioni virtuali

    A causa diun problema noto di GDM, le sessioni virtuali non possono funzionare su SUSE Linux Enterprise 15.x. Per far funzionare correttamente le sessioni virtuali, è possibile adottare una delle seguenti soluzioni:

    • Su server che non dispongono di una GPU, è possibile disabilitare il desktop manager poiché non è necessario eseguire sessioni virtuali. Configurare il sistema per l'esecuzione in modalità multiutente eseguendo il seguente comando prima di creare sessioni virtuali:

      sudo systemctl isolate multi-user.target
    • Su server con GPU, oltre a disabilitare il desktop manager, è necessario avviare un server X sul sistema prima di creare sessioni virtuali. A questo scopo, esegui i comandi seguenti:

      sudo systemctl isolate multi-user.target
      sudo dcvstartx &

Per installare e configurare l'ambiente desktop e il desktop manager su SUSE Linux Enterprise 15.x

  1. Installa i pacchetti dell'ambiente desktop e del desktop manager.

    $ sudo zypper install -t pattern gnome_basic
    $ sudo update-alternatives --set default-displaymanager /usr/lib/X11/displaymanagers/gdm
    $ sudo sed -i "s/DEFAULT_WM=\"\"/DEFAULT_WM=\"gnome\"/" /etc/sysconfig/windowmanager
  2. Aggiorna i pacchetti software per assicurarti che il server Linux sia aggiornato.

    $ sudo zypper update
  3. Riavvia il server Linux.

    $ sudo reboot

Disabilita il protocollo Wayland (solo GDM3)

NICE DCV non supporta il protocollo Wayland. Se si utilizza il desktop manager GDM3, è necessario disabilitare il protocollo Wayland. Se non si utilizza GDM3, saltare questa fase.

Per disabilitare il protocollo Wayland

  1. Aprire il seguente file utilizzando l'editor di testo preferito.

    • RHEL 8.x, CentOS 8.x e SUSE Linux Enterprise 15.x

      /etc/gdm/custom.conf
    • Ubuntu 22.x

      /etc/gdm3/custom.conf
  2. Nella[daemon]sezione, setWaylandEnableafalse.

    [daemon] WaylandEnable=false
  3. Riavvia il servizio GDM.

    • RHEL 8.x e CentOS 8.x

      $ sudo systemctl restart gdm
    • Ubuntu 22.x

      $ sudo systemctl restart gdm3
    • SUSE Linux Enterprise 15.x

      $ sudo systemctl restart xdm

Configurare il server X

Se si intende utilizzare una sessione della console o una condivisione GPU, verificare che sul server Linux sia presente un server X correttamente configurato e in esecuzione.

Nota

Se si prevede di utilizzare sessioni virtuali senza condivisione GPU, un server X non è necessario.

I pacchetti del server X in genere vengono installati come dipendenze dell'ambiente desktop e del desktop manager. È consigliabile configurare il server X per l'avvio automatico quando viene avviato il server Linux.

Per configurare e avviare il server X su RHEL 7.x/8.x, CentOS 7.x/8.x, Rocky Linux, Amazon Linux 2, Ubuntu 18.x, 20.x, 22.x e SUSE Linux Enterprise 12.x, 15.x:

  1. Configura il server X per l'avvio automatico quando viene avviato il server Linux.

    $ sudo systemctl get-default

    Se il comando restituisce graphical.target, il server X è già configurato per l'avvio automatico. Passa alla fase successiva.

    Se il comando ritornamulti-user.target, il server X non è configurato per l'avvio automatico. Eseguire il comando seguente:

    $ sudo systemctl set-default graphical.target

  2. Avvia il server X.

    $ sudo systemctl isolate graphical.target

  3. Verifica che il server X sia in esecuzione.

    $ ps aux | grep X | grep -v grep

    Di seguito è mostrato un output di esempio se il server X è in esecuzione.

    root 1891 0.0 0.7 277528 30448 tty7 Ssl+ 10:59 0:00 /usr/bin/Xorg :0 -background none -verbose -auth /run/gdm/auth-for-gdm-wltseN/database -seat seat0 vt7

Installare l'utility glxinfo

L'utility glxinfo fornisce informazioni sulla configurazione OpenGL del server Linux. L'utility può essere utilizzata per stabilire se il server Linux è configurato per supportare il rendering hardware o software OpenGL. Fornisce informazioni sui driver e sulle estensioni supportate.

L'utility glxinfo viene installata come dipendenza di pacchetto di DCV GL. Pertanto, se hai installato DCV GL, l'utility glxinfo è già installata sul server Linux.

Per installare l'utility glxinfo

Eseguire il comando seguente:

  • RHEL 7.x/8.x, CentOs 7.x/8.x e Amazon Linux 2

    $ sudo yum install glx-utils
  • Ubuntu 18.x/20.x/22.x

    $ sudo apt install mesa-utils
  • SUSE Linux Enterprise 12.x/15.x

    $ sudo zypper in Mesa-demo-x

Verificare il rendering software OpenGL

Nei server Linux non GPU, OpenGL è supportato solo in modalità rendering software utilizzando i driver Mesa. Se usi un server Linux non GPU e intendi usare OpenGL, assicurati che i driver Mesa siano installati e configurati correttamente nel server Linux.

Nota

Questo vale solo per i server Linux non GPU.

Per verificare se è disponibile il rendering software OpenGL

Assicurarsi che il server X sia in esecuzione e utilizzare il seguente comando:

$ sudo DISPLAY=:0 XAUTHORITY=$(ps aux | grep "X.*\-auth" | grep -v grep | sed -n 's/.*-auth \([^ ]\+\).*/\1/p') glxinfo | grep -i "opengl.*version"

Di seguito è mostrato un output di esempio se è disponibile il rendering software OpenGL:

OpenGL core profile version string: 3.3 (Core Profile) Mesa 17.0.5 OpenGL core profile shading language version string: 3.30 OpenGL version string: 3.0 Mesa 17.0.5 OpenGL shading language version string: 1.30 OpenGL ES profile version string: OpenGL ES 3.0 Mesa 17.0.5 OpenGL ES profile shading language version string: OpenGL ES GLSL ES 3.00

Installare i driver GPU per le istanze grafiche

Installare e configurare i driver NVIDIA

Con i server Linux che hanno una GPU NVIDIA dedicata, verificare che siano installati e configurati correttamente i driver NVIDIA appropriati. Per istruzioni su come installare i driver NVIDIA su un'istanza Amazon EC2 Linux, consultaInstallazione del driver NVIDIA sui server LinuxnellaGuida per l'utente di Amazon EC2 User Guide per le istanze Linux.

Nota
  • Questo vale solo per i server Linux con GPU NVIDIA.

  • I driver GRID supportano fino a quattro display 4K per ogni GPU installata. I driver di gioco supportano solo un display 4K per ogni GPU installata.

Dopo avere installato i driver NVIDIA sul server Linux, aggiornaxorg.conf.

Per generare un xorg.conf aggiornato

  1. Esegui il seguente comando.

    sudo nvidia-xconfig --preserve-busid --enable-all-gpus

    Se usi un'istanza Amazon EC2 G3 o G4 e desideri utilizzare una sessione console per più monitor, includi il--connected-monitor=DFP-0,DFP-1,DFP-2,DFP-3Parametro . Questo è il seguente.

    sudo nvidia-xconfig --preserve-busid --enable-all-gpus --connected-monitor=DFP-0,DFP-1,DFP-2,DFP-3
    Nota

    Assicurati che il tuo server non disponga dell'eredità/etc/X11/XF86Configfile. In tal caso, nvidia-xconfig aggiorna il file di configurazione anziché generare il file /etc/X11/xorg.conf richiesto. Eseguire il comando seguente per rimuovere il file XF86Config legacy:

    sudo rm -rf /etc/X11/XF86Config*
  2. Riavviare il server X per rendere effettive le modifiche.

    • RHEL 12.x CentOs 7.x, Amazon Linux 2, Ubuntu 18.x e SUSE Linux Enterprise 12.x

      $ sudo systemctl isolate multi-user.target
      $ sudo systemctl isolate graphical.target

Per verificare che la GPU NVIDIA supporti la codifica video basata su hardware

Assicurati che supporti la codifica NVENC e che abbia capacità di calcolo maggiori o uguali a 3.0, o maggiori o uguali a 3.5 per Ubuntu 20.

Per verificare il supporto NVENC, consultare laMatrice di Support GPU NVIDIA Video Encode e Decode. Per verificare le capacità di calcolo, vedere laTabelle di capacità di elaborazione NVIDIA.

Se la tua GPU NVIDIA non supporta la codifica NVENC o se non dispone delle capacità di calcolo richieste, viene utilizzata la codifica video basata su software.

Per verificare se è disponibile il rendering hardware OpenGL

Utilizzare il comando seguente per assicurarsi che il server X sia in esecuzione.

$ sudo DISPLAY=:0 XAUTHORITY=$(ps aux | grep "X.*\-auth" | grep -v grep | sed -n 's/.*-auth \([^ ]\+\).*/\1/p') glxinfo | grep -i "opengl.*version"

Di seguito è mostrato un output di esempio se è disponibile il rendering hardware OpenGL.

OpenGL core profile version string: 4.4.0 NVIDIA 390.75 OpenGL core profile shading language version string: 4.40 NVIDIA via Cg compiler OpenGL version string: 4.6.0 NVIDIA 390.75 OpenGL shading language version string: 4.60 NVIDIA OpenGL ES profile version string: OpenGL ES 3.2 NVIDIA 390.75 OpenGL ES profile shading language version string: OpenGL ES GLSL ES 3.20

Installare e configurare i driver AMD

Un'istanza con una GPU AMD collegata, ad esempio un'istanza G4ad, deve avere installato il driver AMD appropriato. Per istruzioni su come installare i driver GPU AMD su un'istanza Amazon EC2 compatibile, consultaInstallare i driver AMD sulle istanze Linux.

Per ulteriori informazioni sulle istanze Amazon EC2 G4ad, consultareApprofondimento sulle nuove istanze G4ad di Amazon EC2Post di blog.

Installa il driver xDummy per istanze non GPU

Installa e configura il driver xDummy

Per utilizzare sessioni console su server Linux che non hanno una GPU dedicata, assicurati che il driver Xdummy sia installato e configurato correttamente. Il driver xDummy permette al server X di funzionare con un framebuffer virtuale quando non è presente una vera GPU.

Nota
  • Questo non è necessario se desideri utilizzare le sessioni virtuali.

  • Il driver xDummy è in grado di supportare solo le risoluzioni definite nella sua configurazione.

Per installare il driver xDummy

Eseguire il comando seguente:

  • RHEL 7.x/8.x, CentOs 7.x/8.x e Amazon Linux 2

    $ sudo yum install xorg-x11-drv-dummy
  • Ubuntu 18.x/20.x/22.x

    $ sudo apt install xserver-xorg-video-dummy
  • SUSE Linux Enterprise 12.x/15.x

    $ sudo zypper in xf86-video-dummy

Dopo aver installato i driver xDummy sul server Linux, aggiornaxorg.conf.

Per configurare xDummy in xorg.conf

  1. Apertura della/etc/X11/xorg.confcon l'editor di testo preferito.

  2. Aggiungi le sezioni seguenti alla configurazione.

    Section "Device" Identifier "DummyDevice" Driver "dummy" Option "ConstantDPI" "true" Option "IgnoreEDID" "true" Option "NoDDC" "true" VideoRam 2048000 EndSection Section "Monitor" Identifier "DummyMonitor" HorizSync 5.0 - 1000.0 VertRefresh 5.0 - 200.0 Modeline "1920x1080" 23.53 1920 1952 2040 2072 1080 1106 1108 1135 Modeline "1600x900" 33.92 1600 1632 1760 1792 900 921 924 946 Modeline "1440x900" 30.66 1440 1472 1584 1616 900 921 924 946 ModeLine "1366x768" 72.00 1366 1414 1446 1494 768 771 777 803 Modeline "1280x800" 24.15 1280 1312 1400 1432 800 819 822 841 Modeline "1024x768" 18.71 1024 1056 1120 1152 768 786 789 807 EndSection Section "Screen" Identifier "DummyScreen" Device "DummyDevice" Monitor "DummyMonitor" DefaultDepth 24 SubSection "Display" Viewport 0 0 Depth 24 Modes "1920x1080" "1600x900" "1440x900" "1366x768" "1280x800" "1024x768" virtual 1920 1080 EndSubSection EndSection
    Nota

    La configurazione fornita è un esempio. Puoi aggiungere altre modalità e impostarne una diversavirtualrisoluzione. È inoltre possibile configurare più di un monitor fittizio.

  3. Riavviare il server X per rendere effettive le modifiche.

    • RHEL 12.x CentOs 7.x, Amazon Linux 2, Ubuntu 18.x e SUSE Linux Enterprise 12.x

      $ sudo systemctl isolate multi-user.target
      $ sudo systemctl isolate graphical.target