Test delle prestazioni sulla piattaforma di destinazione - AWS Guida prescrittiva

Le traduzioni sono generate tramite traduzione automatica. In caso di conflitto tra il contenuto di una traduzione e la versione originale in Inglese, quest'ultima prevarrà.

Test delle prestazioni sulla piattaforma di destinazione

È possibile selezionare l'istanza di destinazione e l'opzione di archiviazione appropriate in AWS base alle informazioni sulle risorse raccolte durante la fase di scoperta.

Dopo aver effettuato il provisioning dell'istanza di destinazione, si consiglia di eseguire test di carico per garantire che l'istanza e la configurazione fornite soddisfino i requisiti prestazionali dell'applicazione. È consigliabile eseguire questo test di carico utilizzando il carico di lavoro dell'applicazione reale per il numero previsto di utenti e concorrenti anziché utilizzare strumenti di test di carico generici come Swingbench. Se il tuo obiettivo è Amazon RDS for Oracle, Amazon RDS Custom for Oracle o Amazon EC2, puoi utilizzare Oracle Real Application Testing, una funzionalità con licenza separata, per acquisire carichi di lavoro di produzione dal database Exadata di origine e riprodurli sull'istanza di destinazione per valutare le prestazioni. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo di Real Application Testing su AWS, consulta i post del AWS blog Use Oracle Real Application Testing features with Amazon RDS for Oracle e Use Oracle Real Application Testing features with Amazon EC2.

Se stai pianificando una migrazione eterogenea, in cui il carico di lavoro viene migrato da Oracle Database a un database open source come PostgreSQL, è più difficile stimare le risorse perché non sono confrontabili tra motori diversi. Come pratica generale, si consiglia di iniziare con un'istanza in grado di supportare risorse di CPU, memoria e I/O equivalenti alle risorse utilizzate in Exadata, quindi ridimensionare correttamente l'istanza di destinazione in base ai risultati dei test di carico utilizzando le opzioni di AWS scalabilità.