Migrazione dei database Oracle versoAWScloud - AWSGuida prescrittiva

Le traduzioni sono generate tramite traduzione automatica. In caso di conflitto tra il contenuto di una traduzione e la versione originale in Inglese, quest'ultima prevarrà.

Migrazione dei database Oracle versoAWScloud

Sagar Patel, Amazon Web Services (AWS)

Settembre 2022(cronologia dei documenti)

Amazon Web Services (AWS) fornisce un set completo di servizi e strumenti per l'implementazione di Oracle Database su sistemi affidabili e sicuriAWSInfrastruttura cloud. Questa guida spiega le opzioni disponibili per la migrazione dei database locali Oracle verso ilAWScloud. Inoltre, analizza le migliori pratiche e gli scenari per esercitare queste opzioni di migrazione.

Questa guida è destinata a responsabili di programma o progetto, proprietari di prodotti, amministratori di database, ingegneri di database e responsabili delle operazioni o dell'infrastruttura che intendono migrare i propri database Oracle locali aAWS.

Panoramica

Prima di eseguire la migrazione dei database Oracle aAWS, dovresti comprendere e valutare la tua strategia di migrazione utilizzando il framework descritto instrategia di migrazione per database relazionali.

Il primo passaggio consiste nell'eseguire un'analisi dei carichi di lavoro dell'applicazione e del database Oracle per comprendere la complessità, la compatibilità e il costo della migrazione. Ecco alcuni dei punti principali da tenere in considerazione quando si prevede di effettuare la migrazione:

  • Controlla le dimensioni correnti del database e la crescita complessiva della capacità. Ad esempio, se hai intenzione di migrare il tuo database Oracle verso Amazon Relational Database Service (Amazon RDS) o Amazon RDS Custom, puoi creare istanze DB con un massimo di 64 TiB di storage. Per le informazioni più recenti, consulta.Storage dell'istanza di database Amazon RDSnella documentazione di Amazon RDS.

  • Consulta i report di Oracle Automatic Workload Repository (AWR) per verificare l'utilizzo delle risorse e lo stato del database locale.

  • Verifica le dipendenze delle applicazioni. Se il tuo database supporta applicazioni legacy, personalizzate o pacchettizzate, Amazon RDS Custom for Oracle potrebbe essere una buona scelta. Questo servizio consente di mantenere il controllo sulle configurazioni del database, sui file system condivisi e sulle patch del sistema operativo.

  • Controlla le dipendenze correnti del database da altri database. Se il database dipende da altri database, è possibile migrarli insieme o creare dipendenze dopo la migrazione del database principale.

  • Determina l'IOPS e il throughput dei tuoi database. Se hai intenzione di migrare ad Amazon RDS, prendi in considerazione ilPrestazioni I/O delle istanze DB Amazon RDS.

  • Rivedi la tua architettura attuale e le tue esigenze di controllo o conformità per assicurarti di poter soddisfare questi requisiti dopo il passaggio ad Amazon RDS o Amazon Elastic Compute Cloud (Amazon EC2).

  • Verifica la versione e l'edizione del software del tuo database Oracle per assicurarti che sia supportato se prevedi di passare ad Amazon RDS for Oracle (consulta le versioni attualmente supportate perAmazon RDSeAmazon RDS Personalizza).

  • Verifica della connettività di rete tra il tuo ambiente on-premise eAWS, per assicurarsi che fornisca una larghezza di banda sufficiente per trasferimenti rapidi di dati tra locali eAWS.

  • Determina la quantità di tempi di inattività disponibili per la migrazione in modo da poter pianificare il tuo approccio alla migrazione e decidere se utilizzare la migrazione online o offline.

  • Identifica quali sono i requisiti dei requisiti del RTO (Restore Point O., RPO (Restore Point O.

  • Controlla la piattaforma chipset endian del carico di lavoro del database.AWSsupporta piattaforme little-endian x86-x64. Altre piattaforme, come Sun SPARC, HP Tru64 o piattaforme big-endian basate su IBM zSeries, richiedono una migrazione multipiattaforma.

  • AWSsupporta i sistemi operativi Linux (32 bit e a 64 bit. Non supporta i sistemi operativi Solaris, HP-UX o IBM AIX, comunemente usati per i database Oracle. La migrazione dei database Oracle da questi sistemi operativi richiede la conversione della piattaforma.