Bucks di directory - Amazon Simple Storage Service

Le traduzioni sono generate tramite traduzione automatica. In caso di conflitto tra il contenuto di una traduzione e la versione originale in Inglese, quest'ultima prevarrà.

Bucks di directory

Esistono due tipi di bucket Amazon S3: i bucket per uso generico e i bucket di directory. Scegli il tipo di bucket più adatto ai requisiti applicativi e di prestazioni:

  • I bucket per uso generico sono il tipo di bucket S3 originale e sono consigliati per la maggior parte dei casi d'uso e dei modelli di accesso. I bucket per uso generico consentono l'uso di oggetti archiviati in tutte le classi di archiviazione, fatta eccezione per S3 Express One Zone.

  • I bucket di directory utilizzano la classe di archiviazione S3 Express One Zone, consigliata se l'applicazione è sensibile alle prestazioni e ottiene vantaggi da latenze PUT e GET di pochi millisecondi.

I bucket di directory vengono utilizzati per carichi di lavoro o applicazioni critiche per le prestazioni che richiedono una latenza costante di pochi millisecondi. I bucket di directory organizzano i dati in modo gerarchico in directory, a differenza della struttura di archiviazione piatta dei bucket per uso generico. Non ci sono limiti di prefissi per i bucket di directory e le singole directory possono essere dimensionate orizzontalmente.

I bucket di directory utilizzano la classe di archiviazione S3 Express One Zone, che archivia i dati in più dispositivi all'interno di una singola zona di disponibilità, ma non archivia i dati in modo ridondante nelle zone di disponibilità. Quando crei un bucket di directory, ti consigliamo di specificare una Regione AWS e una zona di disponibilità locale per le tue istanze di calcolo Amazon EC2, Amazon Elastic Kubernetes Service o Amazon Elastic Container Service (Amazon ECS) per ottimizzare le prestazioni.

I bucket di directory archiviano gli oggetti nella classe di storage S3 Express One Zone, che fornisce un'elaborazione più rapida dei dati all'interno di una singola zona di disponibilità. Per ulteriori informazioni, consulta Bucks di directory.

Puoi creare fino a 10 bucket di directory in ciascuno dei tuoiAccount AWS, senza limiti al numero di oggetti che puoi archiviare in un bucket. La quota del bucket viene applicata a ciascuna regione nell'Account AWS. Se la tua applicazione richiede l'aumento di questo limite, contatta. AWS Support Per ulteriori informazioni, visita la console Service Quotas.

Importante

I bucket di directory che non presentano alcuna attività di richiesta per un periodo di almeno 90 giorni passano a uno stato inattivo. In uno stato inattivo, un bucket di directory è temporaneamente inaccessibile per letture e scritture. I bucket inattivi mantengono tutta l'archiviazione, i metadati degli oggetti e i metadati dei bucket. I costi di storage esistenti si applicano ai bucket inattivi. Se effettui una richiesta di accesso a un bucket inattivo, il bucket passa a uno stato attivo, in genere entro pochi minuti. Durante questo periodo di transizione, le letture e le scritture restituiscono un codice di errore HTTP. 503 (Service Unavailable)

I seguenti argomenti forniscono informazioni sui bucket di directory. Per ulteriori informazioni sui bucket per uso generico, consulta Panoramica dei bucket.

Zone di disponibilità

Quando si crea un bucket di directory, si sceglie la zona di disponibilità e la Regione AWS.

I bucket di directory utilizzano la classe di archiviazione S3 Express One Zone, creata per essere utilizzata da applicazioni sensibili alle prestazioni. S3 Express One Zone è la prima classe di archiviazione S3 in cui è possibile selezionare una singola zona di disponibilità con la possibilità di co-ubicare l'archiviazione di oggetti con le risorse di calcolo, che offre la massima velocità di accesso possibile.

Con S3 Express One Zone, i dati vengono archiviati in modo ridondante su più dispositivi all'interno di una singola zona di disponibilità. S3 Express One Zone è progettato per una disponibilità del 99,95% all'interno di una singola zona di disponibilità ed è supportato dal Service Level Agreement di Amazon S3. Per ulteriori informazioni, consultare Zona di disponibilità singola

Nomi dei bucket di directory

Il nome di un bucket di directory è costituito da un nome di base fornito dall'utente e da un suffisso contenente l'ID della zona di disponibilità in cui si trova il bucket. I nomi dei bucket di directory devono utilizzare il seguente formato e rispettare le regole di denominazione dei bucket di directory:

bucket-base-name--azid--x-s3

Ad esempio, il seguente nome del bucket di directory contiene l'ID zona di disponibilità usw2-az1:

bucket-base-name--usw2-az1--x-s3

Per ulteriori informazioni, consulta Regole di denominazione dei bucket di directory.

Directory

I bucket di directory organizzano i dati in modo gerarchico in directory, a differenza della struttura di ordinamento piatta dei bucket per uso generico. Ogni bucket di directory S3 può supportare centinaia di migliaia di transazioni al secondo (TPS), a prescindere dal numero di directory all'interno del bucket.

Con uno spazio dei nomi gerarchico, il delimitatore nella chiave dell'oggetto è importante. Il solo delimitatore supportato è una barra (/). Le directory sono determinate dai limiti dei delimitatori. Ad esempio, la chiave dell'oggetto dir1/dir2/file1.txt comporta che le directory dir1/ e dir2/ vengano create automaticamente e che l'oggetto file1.txt venga aggiunto alla directory /dir2 nel percorso dir1/dir2/file1.txt.

Il modello di indicizzazione del bucket di directory restituisce risultati non ordinati per l'operazione API ListObjectsV2. Se è necessario limitare i risultati a una sottosezione del bucket, è possibile specificare un percorso di sottodirectory nel parametro prefix, ad esempio prefix=dir1/.

Nomi delle chiavi

Per i bucket di directory, le sottodirectory comuni a più chiavi oggetto vengono create con la prima chiave dell'oggetto. Le chiavi oggetto aggiuntive per la stessa sottodirectory utilizzano la sottodirectory creata in precedenza. Questo modello offre flessibilità nella scelta delle chiavi degli oggetti più adatte all'applicazione, con uguale supporto per directory sparse e dense.

Gestione degli accessi

Nei bucket di directory, tutte le impostazioni Blocco dell'accesso pubblico S3 sono abilitate per impostazione predefinita a livello di bucket. Proprietà dell'oggetto S3 è impostata su Proprietario del bucket applicato e le liste di controllo degli accessi (ACL) sono disabilitate. Queste impostazioni non possono essere modificate.

Per impostazione predefinita, gli utenti non dispongono delle autorizzazioni per i bucket di directory e le operazioni S3 Express One Zone. Per concedere le autorizzazioni di accesso per i bucket di directory, puoi utilizzare IAM per creare utenti, gruppi o ruoli e collegare le autorizzazioni a tali identità. Per ulteriori informazioni, consulta AWSIdentity and Access Management (IAM) for S3 Express One Zone.

Utilizzo di bucket di directory

Per ulteriori informazioni sull'utilizzo di bucket di directory, consulta gli argomenti seguenti.